venerdì 13 ottobre 2017

Recensione: "Senza filtri" di Lily Collins

Buondì a tutti heartreaders,
come state? Come procedono le vostre letture? Io continuo le mie sessioni di lettura in notturna ma va bene così, è l'unico momento possibile. In realtà, più che leggere, in questi giorni (ops notti veramente) ho programmato un bel po' di post per voi, post e sorpresine che vedrete presto quindi stay tuned 💗

Sapete a cosa stavo pensando l'altro giorno? Una domanda che non vi ho mai fatto riguarda proprio le vostre abitudini di lettura.. Avete un momento della giornata particolare in cui leggete? Quando vi piace di più leggere? Non ve l'ho mai chiesto e devo dire che sono curiosa! Io, prima di sposarmi , leggevo molto di mattina prima di alzarmi e sempre un altro po' la sera prima di addormentarmi, quante volte mi è piombato il libro sul naso non avete idea! Quando mi sono sposata non è stato più possibile perchè, avendo orari diversi con mio marito, gli avrei dato fastidio, soprattutto la mattina perchè io mi sono sempre svegliata prima di lui. Quindi, da quel momento in poi, non ho più letto sotto le coperte ma in salotto. Adesso che ho Alessia è tutta un'altra storia.. leggo quando lei dorme ovviamente! 

Beh, fatemi sapere, da lettrice sono curiosa e chiacchierare con voi è una cosa che adoro!

Il post di oggi lo dedico alla recensione di una lettura che ho ultimato da pochi giorni, si tratta di Senza Filtri, l'autobiografia di Lily Collins edita dalla Fabbri che ringrazio per la copia digitale!



Senza filtri
Lily Collins

Editore: Fabbri Editori
Prezzo: Rigido 15,90€ Ebook 7,99
Pagine: 240
Serie: Autobiografia

Trama: Ogni ragazza, prima o poi, si trova davanti a delle sfide importanti: accettare il proprio corpo, affrontare relazioni difficili, superare paure che sembrano insormontabili. Ed è successo anche a Lily. Lily sa che cosa vuol dire vivere per metà nella luce e per metà nel buio. Anche lei sa cosa vuol dire lottare per salvarsi. Significa guardarsi allo specchio e amarsi, accettare di essere strane e vulnerabili, ma proprio per questo meravigliose. E spesso, per riuscire a fare quel piccolo grande passo, basta qualcuno che ti prenda la mano e che ti dica che non sei solo.. 


💖 Recensione ðŸ’–

Con Senza filtri sono ritornata nel mondo delle biografie, cosa che non capitava da tempo. Ammetto che questo genere letterario l'ho messo un po' da parte di recente ma l'ho fatto solo perchè non mi capitava mai tra le mani la biografia di un personaggio che mi incuriosiva davvero. Appena ho saputo che sarebbe stata pubblicata la bio di Lily Collins non ho avuto dubbi.

Dovete sapere che io, mea culpa, vado molto a pelle per quanto riguarda le simpatie ed antipatie, C'è poco da fare, se una persona mi è simpatica, le darei il mondo, diventa intoccabile per me. Ah, ma se qualcuno mi fa antipatia seriamente, ahi, è davvero dura che riesca a farmi cambiare idea. Ok, magari a voi non capita e sono strana io, molto probabile, possibilissimo. C'è da dire che però, a volte , razionalmente so che non conosco davvero una persona ma, se sento quel campanellino, quel non so che, e mi scatta l'antipatia, ahi, ahi, ahi, non c'è verso.  Ok, è vero, una volta mi sono ricreduta, lo ammetto. Però in quel caso io avevo 6 anni e lui poi è diventato mio marito, è un caso limite. Ma non divaghiamo, non c'entra niente con Lily Collins, non vi sto dicendo che avrei voluto sposarla! Tutto questo preambolo solo per dire che Lily Collins è una delle mie attrici preferite e che mi sta davvero simpatica a pelle, ragion per cui, se esce un suo film generalmente lo guardo a prescindere, a scatola chiusa.


Biancaneve

Ho iniziato ad apprezzare Lily con il film su Biancaneve, successivamente con Stuck in loveper poi arrivare a Shadowhunters.

Sebbene io abbia letto della Clare solo Città di ossa  (ok, ora qualcuno mi lincia!) posso dire con assoluta franchezza che secondo me Lily e Jamie Campbell Bower erano perfetti per i ruoli di Clary e Jace. Quel film si discostava un po' dal libro, eh, e non ebbe successo.

Shadowhunters: Città di ossa

Diciamolo, gli Shadowhunters non sono fortunati con gli adattamenti sul grande e piccolo schermo! Nonostante ciò, io continuo ad immaginare Clay e Jase con i volti di Lily e Jamie.

Il film però che ha consacrato Lily nell'Olimpo delle mie attrici preferite è stato Scrivimi ancora, tratto dal bestseller di Cecelia Ahern.

Scrivimi ancora

Ok, io adoro Scrivimi ancora (libro e film) e trovo che Lily sia stata una Rosie perfetta. Amo alla follia sia il libro, che ho riletto più e più volte, sia il film che vedo ogni volta che lo becco in tv.

Lily ha proprio uno sguardo genuino e sincero. sembra proprio una persona cristallina, rarità per Hollywood, ecco cosa me la fa ammirare tanto, oltre al fatto che secondo me sia molto brava ed ecco cosa mi ha spinto principalmente a buttarmi a capofitto nella sua biografia.

Recentemente mi ha emozionata molto la sua interpretazione nel film - evento targato Netflix dal titolo Fino all'osso dove Lily ci mostra il vero duro volto dei disturbi alimentari. Sarà perchè sono molto sensibile a questi argomenti essendoci purtroppo passata, ma all'inizio ero molto restia a vedere questo film. Quando ho saputo che sarebbe stata Lily ad interpretare la protagonista, ho cambiato idea e questo sia perchè credo che lei sia davvero una bravissima attrice, sia perchè, conoscendo un po' la sua storia personale, so che anche lei ha affrontato e superato questi problemi.Quindi, chi meglio di lei, che generalmente si è sempre mostrata capace di empatia, poteva portare sul piccolo schermo un'interpretazione più vera e genuina su un tema tanto delicato? Per dovere di completezza, vi dico che Fino all'osso ha mantenuto fede alle promesse, è un film che vorrei tanto mostrassero anche nelle scuole visto il profondo messaggio.




Ma andiamo alla biografia. In Senza Filtri Lily affronta di petto i problemi alimentari che l'hanno assediata in passato e che ha vinto, non senza ricadute dolorose. A mio parere in questa biografia Lily Collins è riuscita sul serio a mettersi a nudo. In modo diretto e senza fronzoli, schiettamente, ci racconta di sè, della sua famiglia, dei suoi problemi con l'immagine riflessa nello specchio e lo fa con semplicità e genuinità. Sappiamo tutti quanto sia importante il cognome Collins nel mondo della musica ma Lily non si è lasciata intimidire e, fra queste pagine, è riuscita a parlare del padre in quanto tale e non come celebrità della musica.

Sostanzialmente in Senza Filtri c'è semplicemente Lily, la Lily che ha sofferto anche quando non era consapevole di star precipitando nel baratro. 

Non solo, in Senza Filtri ci sono anche consigli, incoraggiamenti, moniti. Le parole di Lily sono quelle di una ragazza che parla ad altre ragazze, semplicemente appunto. Una ragazza che racconta di essere caduta e di come si è rialzata, sottolineando il fatto che, si, è possibile rialzarsi e che anche se si vede tutto nero non si deve mai smettere di lottare.
''Sono la prova che raccontare le nostre storie è la chiave.Non importa da dove veniamo, che aspetto o quanti anni abbiamo, o chi amiamo: meritiamo tutti di parlare ed entrare in contatto con gli altri.Meritiamo tutti di sentirci parte di qualcosa di più grande. Perché lo siamo.''
La cosa che mi ha colpito di più è appunto il fatto che Lily non si limita a raccontare la sua storia ma dà buoni consigli, senza però apparire saccente o mettendosi sul pulpito. Con genuinità, come un'amica, Lily incentiva ad assaporare il meglio della vita ma, soprattutto, incoraggia ad amare se stesse, perchè solo chi ama se stessa è capace davvero di amare il prossimo.

Non pensate che, essendo scritto da una star, questo sia uno di quei libri - farlocco nati solo per vendere o per tappezzare le librerie sull'onda di un successo cinematografico. Senza filtri è un'autobiografia ben scritta, sentita, vera, corposa, feconda. Lo stile usato da Lily è fluido e scorrevole. Lily si racconta con calma ma mai con lentezza. Ogni capitolo è dedicato ad un diverso argomento, alcuni più toccanti e profondi, altri meno e questi riescono a smorzare il pathos dei primi.

Tutta la biografia è disseminata di fotografie scattate dalla stessa lily, come quelle dei suoi tatuaggi, insieme a foto tratte dal suo album di famiglia e che certamente impreziosiscono il libro.

In definitiva, se amate questa attrice, se non la conoscete e vi ho incuriositi, o se semplicemente ne avete voglia, beh, non posso non consigliarvi questo libro. Non abbiate paura di ritrovarvi davanti ad una trovata pubblicitaria, vi assicuro che non vi pentirete di aver letto Senza filtri e che, quando rivedrete Lily Collins sul grande o piccolo schermo, vi sembrerà davvero di rincontrare un'amica.

Fatemi sapere cosa ne pensate, vi aspetto nei commenti heartreaders, non vedo l'ora di leggervi!


L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

12 commenti:

  1. CIao Ely.
    Te l'ho già detto quanto adori le tue recensioni? Bhe te lo ridico sei bravissima perchè riesci sempre a invogliare alla lettura tutti i libri che recensisci.
    Non mi piacciono le biografie ma se dovessi cominciare a leggerle, comincerei da questa senza dubbio e grazie a te.
    Adoro la sua interpretazione in Scrivimi ancora un libro e un film bellissimo ed è per questo che conosco l'autrice. A parte il film Shadowhunter che ho visto invece mi mancano gli altri due che hai citato.
    Riguardo alla tua domanda, io leggo in ogni buco di tempo della giornata senza eccezioni e senza uno schema preciso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Susy sei sempre un tesoro ❤️ Dovremmo organizzare qualcosa insieme per Scrivimi ancora allora ❤️

      Elimina
  2. Bellissima recensione! Credo che darò un'opportunità al romanzo ;)

    RispondiElimina
  3. Ely, recensione stupenda!Ho adorato la sua autobiografia,lei poi è semplicemente perfetta in ogni ruolo ma dopo aver letto il suo libro sono rimasta ancor più ammaliata dalla sua personalità.

    Un abbraccio,
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara!! Anche io adesso stimo Lily ancora di più!

      Elimina
  4. Mi piace questa attrice e sono curiosa di leggere Senza filtri, è in WL da un po' :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere il tuo parere! ❤️

      Elimina
  5. Eccomi qui, come promesso <3
    Anche a me Lily Collins piace molto... E avrei tanto voluto continuare a vederla nel ruolo di Clary, ma, ahimè, mi tocca sopportare la McNamara.
    La tua recensione mi ha convinta, leggerò questa autobiografia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! ❤️ Anche io avrei voluto vedere ancora Lily nei panni di Clary, era perfetta!! ^^ fammi sapere il tuo parere su senza filtri allora!! ❤️

      Elimina
  6. Ely, le tue recensioni sono sempre bellissime! Non sono mai stata il tipo di persona molto legata al mondo dei fan. Cioè.. se mi piace un cantante o un attore, non sono una di quelle persone che deve necessariamente dichiararsi sua fan sapendo tutto di quella celebrità. Mi fermo al "adoro il modo in cui recita/i testi che canta".
    Ma sono d'accordo con te, nel vedere Lily Collins come una specialità di Hollywood, con la sua sincerità. Ha uno sguardo cristallino, non si preoccupa di mostrare se stessa, e questo mi fa pensare che "Senza Filtri" è proprio un titolo adatto al suo modo di essere.
    L'unica biografia che ho letto fin ora è stata quella di Miley Cyrus, quando uscì, ai tempi, più o meno 8 anni fa. Mi era piaciuta tantissimo. Ho sempre amato Miley, e mi sono sempre sentita vicino a lei. Leggere la sua biografia, me l'ha fatta sentire ancora più vicina. Non ho condiviso gli atteggiamenti dell'ultimo anno, ma non divaghiamo. Torniamo su Lily.. penso che questa potrebbe essere la seconda biografia della mia vita ahah.. mi ispira molto, e penso che non si possa mai smettere ci imparare ad amare noi stessi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Martina, non sai quanto condivido, è proprio vero che non si può mai smettere di imparare ad amare noi stessi! Fammi sapere se leggerai la bio di Lily eh, io sono qui <3

      Elimina