venerdì 22 giugno 2018

Recensione: "Ink" di Alice Broadway

Buondì a tutti heartreaders,
è andata bene la settimana? Per festeggiare il quasi inizio del tanto atteso weekend, vi propongo la mia recensione di un libro che ho tanto velocemente divorato quanto adorato. Curiosi di scoprire di quale recentissima pubblicazione sto parlando? Rullo di tamburi ...... oggi parliamo di: Ink di Alice Broadway, edito dalla Rizzoli ed approdato in libreria lo scorso 12 Giugno

Avete presente l'impareggiabile sensazione di quando una storia vi rapisce a tal punto che quasi quasi vi trovate a "parlare" nella vostra testa con l'autrice dicendole "sorella, ma cosa ti sei andata ad inventare, wow"! Va bene, non siete tutti strani come me magari. A me comunque è successo, l'ho detto, lo dico e lo ribadisco: chapeau Alice, brava davvero!

Iniziamo comunque subito a parlarne dettagliatamente heartreaders, prima vorrei solo ringraziare di cuore la Rizzoli per la copia cartacea del romanzo inviatami.


Ink

Alice Broadway


💝💝💝💝1/2

Editore: Rizzoli
Prezzo: Rigido 18,00€ Ebook 8,99
Pagine: 375
Serie: Skin Series #1
Genere: Distopia, Young Adult

Trama: Immagina un mondo in cui ogni tua azione, ogni evento della tua vita ti viene tatuato sulla pelle, perché tutti lo possano vedere. Immagina se avessi qualcosa da nascondere... Non ci sono segreti a Saintstone: dall'istante in cui si nasce, successi e fallimenti vengono tatuati sulla pelle, così che tutti possano vederli e giudicarti, come un libro aperto. E proprio un libro i morti diventano: la pelle viene asportata, rilegata e consegnata ai familiari, come antidoto all'oblio che è ancora più temibile della morte. A patto che le pagine della vita superino il giudizio del consiglio: in caso contrario il libro viene gettato alle fiamme, e con lui il ricordo di un'intera vita. Quando l'amato papà muore, Leora, sedici anni, è convinta che il giudizio su di lui sarà pura formalità, e invece si rende conto che l'uomo nascondeva dei segreti, ma che di segreti ne cela anche il Consiglio....


Recensione


Ink è il primo romanzo dell'omonima trilogia che sta spopolando in tutto il mondo. La Rizzoli non solo l'ha portato in Italia (grazie!) ma ha anche scelto di mantenere la meravigliosa cover (doppiamente grazie!), una cover che non potrà non farvi innamorare al primo sguardo. Non so se in video si noti chiaramente ma quell'arancio che vedete, dal vivo, è luminosissimo, come i riflessi del sole al tramonto, volendo cedere alla vena poetica. In una parola? Elegante. Ok, forse non mi basta una sola parola. Permettetemi di aggiungere anche "raffinata", si. Un'edizione questa che di certo metterò con piacere in bella mostra in libreria, poco ma sicuro.

Al di là di una cover magnetica e di prestigio, l'edizione è curata nei minimi dettagli, del resto io adoro le edizioni cartonate Rizzoli proprio per l'attenzione ai dettagli, non avevo quindi dubbi che così sarebbe stato anche per Ink.


Ciò che ha scardinato ogni più piccola perplessità io potessi mai avere è stata la trama. Leora vive in una società che trae le fondamenta da un'antichissima favola che racconta della Strega Bianca e di sua sorella, divenuta Principessa, la cui pelle è magicamente marchiata da incredibili tatuaggi che ripercorrono le tappe della sua vita. Fiabe, tatuaggi, streghe ed una società distopica affascinante. Potevo resistere? No, decisamente no.

mercoledì 20 giugno 2018

W.... W... W... Wednesday!!!

Buondì a tutti carissimi heartreaders,
buon mercoledì! Qui fino ad ieri pioveva ma oggi la giornata è iniziata con un bel sole, sarà una giornata da condizionatore mi sa! In ogni caso, questo sarà un mercoledì abbastanza pieno per me, si inizia con una capatina al supermercato poi mille altre cose. Il tempo di un caffè e si esce, intanto però, essendo appunto mercoledì, è nuovamente arrivato il momento di fare il recap settimanale delle letture con il "W.... W... W... Wednesdays", ovvero la rubrica inventata da MizB del Blog Should Be Reading in cui ogni mercoledì vi aggiorno sulle mie letture rispondendo alle tre fatidiche domande:



WHAT ARE YOU CURRENTLY READING?

(Cosa stai leggendo?)



La prima è una lettura che mi trascino dalla scorsa settimana, l'ho solo iniziata ma, a causa di letture urgenti ed impegni blogger, sono dovuta andare più a rilento con la Gnone. Recupererò!

Ogni nostro segreto sarà in libreria il prossimo 26 Giugno, ve ne parlerò in occasione del Release ma già posso dirvi che, fino a questo momento, lo sto amando tanto.

martedì 19 giugno 2018

Baby Book - Doppia Recensione:"Le mie prime 100 parole" + "Il libro delle lettere"

Buongiorno a tutti carissimi miei heartreaders,
oggi ho il piacere di ritornare a proporvi la mia amatissima rubrica dedicata all'infanzia: Baby Book con la quale mi rivolgo ai baby lettori, alle mamme, ai papà, nonne, ziee, cugine o baby sitter che siano. Oggi in particolare vi parlo di due bellissime e curatissime edizioni destinate ai più piccini: "Le mie prime 100 parole" e "Il libro delle lettere" per le cui copie io e la mia Principessa ringraziamo la Fabbri Editori.


Il primo libro sul quale accendiamo i riflettori è "Le mie prime 100 parole", destinato ai baby lettori dai 3 anni in su:


Le mie prime 100 parole

AA.VV


💝💝💝💝💝

Editore: Fabbri Editori
Prezzo: Rigido 16,90
Pagine: 16
Serie: Autoconclusivo
Genere: Bambini

Trama: Il libro delle prime parole è un grande classico. In questo volume la tradizionale formula illustrata si coniuga al divertimento delle alette da sollevare, che aiutano la memoria e il divertimento. Le illustrazioni, pensate per i più piccoli, sono concepite proprio per catturarne al massimo l'attenzione. 

Recensione


"Le mie prime 100 parole" è un libro "gioca/impara" davvero imperdibile, un vero e proprio must che ogni baby lettore dovrebbe avere nella sua baby libreria. Se mi state leggendo, come me, amate i libri con tutto il cuore, se siete mamme (o volete diventarlo un giorno) so che, come me, vorreste che anche i vostri bimbi diventassero degli appassionati lettori e, fidatevi, se vi dico che non c'è davvero modo migliore per iniziare a costruire la libreria dei vostri bimbi se non con questa curatissima edizione.


Le mie prime 100 parole si presenta in un'edizione coloratissima, accattivante e maneggevole. Gli angoli smussati, le pagine robuste e cartonate, nonchè il formato maxi, fanno di questa un'edizione maneggevole e super sicura. 

lunedì 18 giugno 2018

New Writers? New Hearts!

Buon lunedì carissimi heartreaders e buon inizio di settimana,
la mattinata qui inizia con un bel caffè ed una chiacchierata librosa relative a tre giovani autori made in Italy che ho già avuto il piacere di ospitare nel Regno dei Libri qualche tempo fa. 


Torna quindi l'appuntamento con la rubrica, non a cadenza fissa, New Writers? New Hearts! che offre una vetrina a giovani autori made in Italy che, contattandomi, hanno il piacere di presentare a tutti noi i loro nuovi lavori. Siete pronti a scoprirli con me?


Feliscia Silva e Gloria Credali


Somnium

Dati completi qui

Quando Doli è fuggita dal proprio passato per rifugiarsi in una nuova vita, non avrebbe mai immaginato di restare intrappolata in una routine che rispecchia tutto ciò dal quale era scappata. Dex, un misterioso sconosciuto dai tratti che ricordano quelli di una volpe, stravolge però la sua esistenza rivelandole che la Terra Umana e tutti i suoi abitanti sono in pericolo. Doli è un Blazon e deve seguirlo su Somnium, una dimensione in cui uomini prescelti e Incarnati vivono in armonia con il mondo naturale. Doli non vuole credere alle sue parole, ma una notte qualcosa in lei si trasforma. Comprende che non può fuggire dal proprio destino, una minaccia è in agguato: la Fazione, un gruppo di Blazon che ha tradito Somnium, vuole imporre il proprio controllo sulla Terra Umana. Doli dovrà prendere una decisione che le cambierà per sempre la vita: combattere o tornare alla sicurezza dell’esistenza che si era creata? 


ESTRATTO

 «Ora sei una donna-aquila, e oltre a te, altri nove Blazon sono stati chiamati a ricoprire il loro ruolo, ognuno in vece dell’animale che incarna. Il posto nel mondo per un Blazon non è qui, sulla Terra Umana, ma in un’altra dimensione, dove i Blazon vivono, si addestrano e possono ritrovare il proprio habitat ancestrale. Lì è dove risiedono gli Incarnati, gli animali fantastici di cui incarniamo lo spirito. Ed è proprio lì, dove saremo diretti domani.»


giovedì 14 giugno 2018

Recensione in Anteprima: "Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti

Buongiorno a tutti carissimi heartreaders,
in occasione del release oggi vi propongo la recensione in anteprima di un libro che ho divorato in due giorni, un libro di cui mi sono innamorata a prima vista grazie alla bellissima cover e che ha saputo lasciarmi senza fiato! Curiosi di sapere a quale nuova pubblicazione io stia facendo la mia dichiarazione d'amore? Facilissimo! Stamattina miei occhi si sono trasformati in due cuoricini grazie a "Per lanciarsi dalle stelle", il nuovo romanzo di Chiara Parenti che approda in libreria, per Garzanti, proprio oggi 14 Giugno.




Prima di iniziare a parlare più approfonditamente di questa bellissima lettura, ricca di emozioni, voglio ringraziare però la CE per la copia digitale del romanzo inviatami. Detto questo, pronti a parlare di "Per lanciarsi dalle stelle"?



Per lanciarsi dalle stelle

Chiara Parenti


💝💝💝💝💝

Editore: Garzanti
Prezzo: Rigido 16,00€ Ebook 9,99
Pagine: 320
Serie: Autoconclusivo
Genere: Narrativa

Trama: «Fai almeno una volta al giorno una cosa che ti spaventi e vedrai che troverai la forza per farne altre». Sono queste le parole che Sole trova nella lettera che la sua migliore amica le ha scritto poco prima di partire e di sparire dalla sua vita. Sole non smette di guardare quel foglio perché, per lei, non c'è nulla di più difficile che superare le proprie paure. Quando non c'è nulla da rischiare, è tutto più facile. Per questo ha preferito un lavoro sicuro al sogno di laurearsi e non ha mai dato il primo bacio, perché è meno pericoloso immaginarlo tra le pagine di un libro che viverlo realmente. Adesso, però, Sole non può più aspettare. Lo deve alla sua amica. Così per cento giorni affronta una piccola paura dopo l'altra, dal salire sulle montagne russe al dormire in un bosco sotto le stelle, dal fare un viaggio da sola a Parigi a lanciarsi con il paracadute. Giorno dopo giorno scopre il piacere dell'imprevisto e dell'adrenalina che fa battere il cuore. Accanto a lei c'è Asia, una timida adolescente. Rivedendosi in lei, Sole prova a smontare tutti i tasselli della sua insicurezza per insegnarle quello che ha appena imparato: è normale avere paura, quello che serve è solo un unico, magnifico istante di coraggio per lasciarsi andare. E, per dimostrarlo, è pronta a vivere il suo timore più grande: confessarsi al ragazzo di cui è innamorata da sempre. La prova più difficile. Perché anche per amare davvero bisogna essere pronti a mettersi in gioco..



Recensione


Per prima cosa, heartreaders, vi va di essere schietti e sinceri ed ammettere insieme a me che la cover di un libro è un biglietto da visita importantissimo? Una bella cover attrae e, diciamocelo, a volte costituisce anche il motivo principale (frivolo magari, è vero, non lo nego) che ci spinge all'acquisto di un libro. Un libro di un'autrice/autore che amo lo compro anche se ha una brutta cover, è ovvio, ma, se devo lanciarmi nel vuoto, una bella cover aiuta e facilita la scelta, lo ammetto. Anche l'occhio vuole la sua parte, non è così che si dice? Ebbene, io ho fortemente voluto leggere "Per lanciarsi dalle stelle" principalmente perchè la sua cover la trovo meravigliosa e magnetica.

Poi ovviamente c'è anche il fattore da tenere ugualmente in primo piano che la Parenti è una delle autrici contemporanee più acclamate del made in Italy. Insomma, potevo mai resistere al connubio? Mettiamoci poi che, come in molti credo già sappiate, questo 2018 mi sono ripromessa debba essere l'anno dei "nuovi incontri letterari", perchè negli anni passati mi sono lasciata indietro alcuni autori che non ho letto per la pigrizia di non voler "rischiare" facendo nuove "conoscenze". E voilat, direi che avete proprio ben compreso che non potevo assolutamente non fiondarmi su "Per lanciarsi dalle stelle".

A lettura conclusa, posso dire in tutta onestà che ho perso solo tempo non leggendo i romanzi della Parenti e che sarebbe stato un vero peccato non concedermi le meravigliose ed emozionanti pagine del suo nuovo "Per lanciarsi dalle stelle".