sabato 7 gennaio 2017

Recensione: "Flower" di Shea Olsen ed Elizabeth Craft

Buongiorno carissimi heartreaders,
eccoci al primo post del nuovo anno! Buon 2017!!!! Ancora una volta vi auguro buon anno nuovo e vi stringo forte uno per uno 💓Vi avevo lasciati giorno 31 in piena frenesia dei preparativi per il cenone, ebbene, tutto è andato bene. La serata di San Silvestro l'ho trascorsa in famiglia, voi? Avete festeggiato fuori?

Avrei voluto postare giorno 1° Gennaio, o al massimo giorno 2,  la recensione a cui è dedicato il post di oggi ma sinceramente non mi sono sentita bene nei giorni seguenti al cenone.

Mi scuso anche per l'assenza da Fb, mi sono proprio disconnessa dai social in questo periodo, soprattutto nei giorni che non mi sono sentita bene, mi dispiace molto. Ora comunque sto meglio e pronta a cercare di riprendere le fila del "dove eravamo rimasti?". Ergo, sebbene in ritardo rispetto alla tabella di marcia, eccomi qui a parlarvi di "Flower" che ho letto nei giorni di festa grazie alla Newton Compton che ringrazio per avermi omaggiata di una copia cartacea.

Ed ora andiamo a Flower, ok?


Flower
Shea Olsen e Elizabeth Craft

Editore: Newton Compton
Prezzo: Rigido 9,90€ Ebook 4,99€
Pagine: 288
Serie: Autoconclusivo

Trama: Charlotte vive con la nonna ed è una ragazza con la testa sulle spalle: bravissima a scuola, lavora in un negozio di fiori per pagarsi gli studi e nel tempo libero si prepara per l’ammissione alla prestigiosa università di Stanford. È molto concentrata e non si concede distrazioni, niente uscite serali e soprattutto niente ragazzi: la sua più grande paura è infatti quella di fare la fine di tutte le donne della sua famiglia, che hanno rinunciato a seguire le proprie aspirazioni a causa dell’amore. Una sera, all’ora di chiusura, entra nel suo negozio un misterioso e affascinante cliente, ombroso ma gentile, che le fa strane domande. Nonostante ne rimanga colpita, Charlotte è sicura di non rivederlo mai più… E invece la mattina dopo le viene recapitato in classe un mazzo di rose purpuree, i suoi fiori preferiti. A mandarglieli è stato proprio Tate, il ragazzo della sera prima, che inizia a corteggiarla in modo molto discreto ma deciso. Charlotte, dopo le resistenze iniziali, decide di uscire con lui per una sola sera. Ma appena fuori dal ristorante vengono assaliti da folla di paparazzi che grida il nome di Tate… Chi è davvero quel misterioso ragazzo e cosa nasconde dietro quei bellissimi occhi malinconici?. 


💖 Recensione ðŸ’–

"Flower", un romance/young adult scritto a quattro mani da Shea Olsen e Elizabeth Craft, è stata una lettura leggera e scorrevole. La trama ci racconta già il fulcro della storia su cui questa lettura è incentrata.

E' Charlotte a raccontare la sua storia, una ragazza talmente preoccupata per il suo futuro da non riuscire a vivere il presente. La nonna, la madre e la sorella sono tutte rimaste incinte troppo presto e questo (oltre al fatto che nessuna delle tre ha mai trovato la persona giusta con cui condividere le responsabilità dell'essere genitore) ha tarpato a tutte le ali di una realizzazione professionale e personale. Charlotte non vuole assolutamente ripercorrere le orme delle donne della sua famiglia e per questo si nega ogni svago, la sua vita è sostanzialmente fatta di studio, lavoro e programmi per il futuro.
"L'amore ti può distruggere. Può portarti via tutto.
E così io ho promesso a me stessa: niente ragazzi, niente ballo di fine anno, niente feste del sabato sera. Sarei rimasta a casa, avrei rigato dritto, sarei andata al College e mi sarei costruita un futuro diverso. Non avrei permesso a niente e nessuno di fermarmi.
Questo, però, accadeva prima che cambiasse ogni cosa.
Prima di lui."


Sembrerebbe che il profilo della protagonista femminile sia così tracciato, invece all'improvviso arriva Tate che piomba nella vita di Charlotte e la sconvolge. Tate è un teen idol della musica mondiale. I due ragazzi si incontrano per caso ed il loro incontro è descritto davvero bene e con spirito dalle due autrici. I mondi di Charlotte e Tate entrano in collisione inaspettatamente proprio nel negozio di fiori in cui la ragazza lavora. Una delle prime cose che Charlotte confiderà a Tate sarà proprio qual'è il suo fiore preferito, ovvero la meravigliosa rosa purpurea.
"Perchè?" mi domanda.
"Significano amore passeggero."
"Vuoi dire l'amore che non dura?" chiede (....)
"E' l'unica rosa che non cerca di essere qualcosa che non è. E' bellissima e sincera, ma le persone non la scelgono mai".
Dall'incontro con Tate il personaggio di Charlotte subirà una trasformazione essenziale e proprio questo incontro la cambierà profondamente perchè dal momento in cui conoscerà l'amore, beh, Charlotte non sarà più la stessa. La vita che ha sempre scansato via da sè la chiamerà a gran voce. Gli equilibri si spezzano ed io sinceramente ho faticato a ritrovare la Charlotte che avevo percepito all'inizio.

Ho provato più empatia con Charlotte all'inizio della lettura, sono sempre stata un'adolescente costantemente preoccupata per il futuro, seriosa ed amante dello studio. Avevo un mio progetto personale, non so fino a che punto io lo abbia realizzato al momento ma meglio non pensarci altrimenti mi vengono i dubbi esistenziali, diciamo che l'ossatura c'è... sui dettagli devo lavorarci ancora. Ma d'altronde la vita non è un grande working progress? Ok, ritorno a Charlotte, non divago più. Ebbene, ho avvertito una Charlotte più autentica all'inizio del libro, una persona tanto attenta al suo futuro penso sia colta da più dubbi ed abbia qualche remora prima di sconvolgere i suoi piani, no? E' stato infatti cambiamento repentino di Charlotte ad vermi spiazzata e che non me l'ha fatta comprendere al 100%.

Tate non è stato un memorabile eroe maschile, lo ammetto. Le due autrici hanno provato a dargli un po' di spessore raccontando ciò che lo ha spinto ad agire come invece agisce, ovvero come una scheggia impazzita tra i "non lo so" ed i "vorrei ma non posso" ma, in fondo, anche Tate è molto giovane ancora ed errori ne farà. Comunque, dare spazio alla voce di Tate stesso forse mi avrebbe aiutata a comprenderlo meglio.

Sostanzialmente la mia opinione complessiva è che se Flower fosse un quadro e lo guardassimo da lontano, lo potrei considerare ben strutturato, omogeneo ed un buon catalizzatore di attenzione. Se invece abbandonassi la visione d'insieme e mi avvicinassi alla tela, beh, potrei notare che i vari elementi sono in realtà tracciati con tratti non troppo sicuri e poco accurati. Nonostante ciò, Flower resta una storia che ricorderò con piacere nel tempo nel suo insieme, sono una romantica e dunque la storia di una ragazza che incontra un affascinante musicista mi attrae.

Consiglio la lettura soprattutto a lettrici giovanissime, sono certa che la storia di Flower le farà sognare. Se avessi letto questo libro da ragazzina, probabilmente il mio Tate avrebbe avuto l'aspetto di Nick Carter dei Backstreet Boys, si lo ammetto, quanto mi sarebbe piaciuto allora incontrare il mio Nick e sentirgli cantare per me "As long as you love me"!! E va bene ok, per le romanticone nostalgiche come me dei meravigliosi BSB eccovi il link di youtube, la riascoltiamo insieme?



E niente, ve l'ho detto che sono una romanticona, ascolto questa canzone e mi sciolgo. Ogni volta che la ascolterò sorriderò e la canterò come una ragazzina, c'è poco da fare!

E su queste note vi abbraccio forte e vi saluto miei carissimi heartreaders ma prima vi chiedo se avete letto questo libro, se siete d'accordo con me ed ovviamente sono anche curiosissima di sapere chi sarebbe stato il vostro Tate personale, il mio ve l'ho già confessato e non vedo l'ora di scoprire il vostro!

Fatemi sapere eh 💓 Il blog, pian piano, riprenderà adesso i suoi ritmi e vedrete che riuscirò anche a riprendermi dalle abbuffate delle vacanze ;) In ogni caso heartreaders, stay tuned perchè ci sarà qualche news a breve!


Intanto...buon ritorno dalle vacanze!!!!


L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

15 commenti:

  1. Buon rientro ^^ Io devo ancora cercare di ritornare al ritmo giusto ;)
    Comunque, questo libro non mi ispira taaaantissimo, magari non lo leggerò adesso ma più avanti!

    RispondiElimina
  2. Vuoi ridere!?
    All'età di Charlotte il mio Tata sarebbe stato J Ax... lo adoravo!!!

    Un bacio!
    Nuovo post sul mio blog.
    Passa da me se ti va.
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. Ciao Ely, come hai già notato questa è stata la prima recensione del 2017 anche per me. Ho trovato in Flower una lettura carina e perfetta per un certo target d'età ma nulla di particolare... Se dovessi scegliere, in futuro, non rileggerei questo libro. ❤

    RispondiElimina
  4. Ciao Ely!!!
    Bentornata!!!!
    Questo libro non mi è piaciuto molto ma mi ha fatto sentire nostalgica con questa canzone che hai allegato.
    Un abbraccione!!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao e buon ritorno dalle vacanze! Di questo libro mi piaceva la copertina, la trama non mi faceva impazzire. Non credo lo leggerò, non sei l'unica che è rimasta un po' delusa dalle recensioni che ho letto in giro. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Sei stata troppo buona, come sempre xD

    RispondiElimina
  7. Ciao Ely, mi potrebbe piacere molto questo romanzo...quasi quasi lo chiedo alla CE!!!:) I backstreet boy!! sono cresciuta con loro!! Il mio Tate però sarebbe stato Eminem!!! Ahahah ero persa di lui!! Ora non le sopporterei persone così arrogantelle!!! I gusti cambiano, per fortuna!!! Un bacione!<3<3<3<3

    RispondiElimina
  8. Condivido con te!Poi la scelta dei Backstreet Boys,un tuffo nel passato *-*

    RispondiElimina
  9. Carissima Ely, anche io ho finito di leggerlo da diversi giorni ed in settimana pubblicherò la recensione. A me non è piaciuto come speravo però non posso proprio gettarlo in pasto agli squali.
    Insomma è una storia che non ho ancora capito come definire. XD
    Un abbraccio forte! :*****

    RispondiElimina
  10. Ciao Ely, proprio ieri sera avevo adocchiato questo libro in una libreria per la copertina molto bella. Ero indecisa se comprarlo o meno, ma forse ho fatto bene a non farlo perché leggo romance solo nel caso di recensioni super positive!
    Anche io adoravo i Backstreet Boys, in particolare Brian xD
    Un abbraccio :-**

    RispondiElimina
  11. Ciao carissima! Anch'io ho letto Flower e non è stata una lettura magnifica ma nemmeno pessima. Pensavo mi sorprendesse di più! Comunque tutto sommato ho adorato alcuni tratti come ad esempio quello in cui viene spiegato il significato della rosa purporea. Un bacione!

    RispondiElimina
  12. Ciao Ely!
    Quanto ti capisco!! Almeno tu riesci ancora a leggere! Un punto a favore! :)
    Di questo libro ho sentito solo pareri negativi.. Mi sa che queste autrici hanno proprio toppato!
    Stavolta passo, con gran sollievo della mia lista, ma attendo qualche altra tua recensione che la faccia allungare! :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  13. Ciao Eli, anche io penso sia una lettura giusta per giovanissime... non è un brutto libro e la storia fa sognare, però io sono troppo grande per apprezzarla totalmente :)

    Sai che non riesco a pensare a chi potrebbe essere il mio Tate? Potrei dirti che a 14 anni mi piaciucchiavano i Take That, in particolare Robbie e Jason (ma si chiamava così???)

    Un bacione ❤️

    RispondiElimina
  14. Ho sentito molto parlare di questo libro, non è il mio genere ma forse lo acquisterò..la tua recensione mi ha incuriosita! :)
    Ilaria

    RispondiElimina
  15. Ho sentito parlare un sacco di questo libro!Peccato non averlo richiesto all'editore a suo tempo, magari lo troverò usato e lo leggerò anch'io :)

    RispondiElimina