venerdì 9 settembre 2016

#Recensione "Il club delle seconde occasioni" di Dana Reinhardt

Buongiorno a tutti miei carissimi heartreaders,
com'è andata questa seconda settimana di settembre? Fa ancora caldo da voi? Qui il tempo è davvero incostante, qualche pioggia è già arrivata ma si tratta di precipitazioni brevissime che, invece di rinfrescare, portano ancora più umidità e caldo allucinante. Non vedo l'ora arrivi l'autunno, quello vero, anche se in realtà, almeno qui da me è così, oramai anche in autunno fa molto caldo poi, da un giorno all'altro, il tempo cambia repentinamente ed inizia il vero e proprio inverno. E non se ne parla se non a fine novembre! E la stessa cosa, ovviamente al contrario, accade in primavera. Vogliamo scadere nel chichè? Ma si dai scadiamo, non esistono più le mezze stagioni! E questo è quanto.
Prima però di intavolare altri discorsi che non c'entrano nulla col post di oggi vi dico che sono qui per recensire "Il club delle seconde occasioni" di Dana Reinhardt edito dalla DeAgostini che ringrazio di cuore per avermi inviato una copia digitale del romanzo.
Pronti a scoprire cosa ne penso?

Titolo: Il club delle seconde occasioni (Autoconclusivo)
Autrice: Dana Reinhardt 
Editore: De Agostini 
Prezzo: 14,90 €
Pagine: 288
Data di pubblicazione: 30 agosto 2016 



Cosa c’è di peggio che essere scaricati di punto in bianco dalla ragazza che si ama disperatamente? Niente, River Dean ne è convinto al cento per cento. Perché è proprio quello che gli è capitato in un inaspettato pomeriggio di fine primavera: Penny l’ha mollato, senza una parola, una spiegazione. E senza nemmeno un passaggio a casa. Se n’è andata, lasciandolo da solo, a piedi, dall’altra parte di Los Angeles. River si mette quindi in cammino, deciso ad autocommiserarsi per il resto dei propri giorni. Finché un’insegna richiama la sua attenzione. Un’insegna che promette una Seconda Occasione a chiunque abbia il coraggio di mettersi in gioco. L’insegna di un gruppo di supporto per ragazzi problematici. Senza pensarci due volte, River si unisce al club. È pronto a tutto pur di guadagnarsi la sua seconda occasione. Anche a mentire spudoratamente e a innamorarsi, di nuovo.


Le altissime aspettative che avevo prima di iniziare a leggere questo romanzo mi si sono ritorte contro heartreaders ed ho paura abbiano danneggiato la mia lettura. Purtroppo questo young adult tanto osannato in patria ed in Italia non mi catturato il cuore. Non è stata una lettura spiacevole attenzione, non ho mai pensato di abbandonarla a metà, però non ne sono stata coinvolta a 360 gradi come invece mi aspettavo. Il narratore è il protagonista, River, un ragazzo che viene lasciato dalla fidanzata già nelle prime pagine del romanzo. Non starete pensando che sia stata un'ingiustizia vero? Ok la ragazzina non è il massimo ma, lo confesso, anch'io avrei lasciato River. Ebbene, è un "ragazzo tappetino" questo River, non ha idee ed opinioni personali ma fa tutto quello che vuole la fidanzata Penny. Non ha spina dorsale. Mi avrebbe fatto tenerezza se fosse stato solo un ragazzino insicuro, sensibile, un po' sognatore, se avesse solo avuto paura di sbagliare ma no, il suo è un "non agire" voluto. Volete un esempio? River non vuole prendere la patente, non guida ma lascia che sia la sua ragazza a portarlo a destra e sinistra. Persino per andare a scuola è Penny a doverlo andare a prendere, se non c'è Penny, invece, chiede passaggi agli amici. Gli stessi amici che però mette in secondo piano se solo Penny è nelle vicinanze. Sostanzialmente River non prende in mano la sua vita e tutto questo a lui non causa fastidio, neanche se ne accorge. Ve l'ho detto, a River serve una svegliata ma una svegliata di quelle serie ed il fatto che Penny lo lasci lo porterà a riflettere su se stesso. Camminando a piedi per km quasi senza meta, River vedrà un'insegna e si fermerà, un segno del destino. Si, è sempre qualcun'altro o qualcos'altro a dirigere la sua vita.

"QUI: E'  IL LUOGO A CUI APPARTIENI.QUESTO: E' IL POSTO DOVE INIZIA IL CAMBIAMENTOORA:E' IL MOMENTO. ENTRA."

E' così che River entrerà a far parte di un gruppo di sostegno per ragazzi con problemi di dipendenza. River parlerà del suo cuore ferito e della sua dipendenza da Penny ma, per paura di essere sbeffeggiato (tutti gli altri ragazzi hanno problemi molto più seri) , mentirà dicendo invece di essere dipendente dalla marjuana. 
Tutto il romanzo è incentrato su River, sul modo in cui capirà cosa c'è che non va e poi cercherà di scrollarsi di dosso quella patina di inattività. Non sarà facile, avrà bisogno di sentirsi dire delle cose in faccia per reagire. Il percorso interiore che intraprenderà tramite gli incontri al gruppo di supporto lo porteranno a capire chi vuole essere e che non deve fossilizzarsi, che la fortuna premia gli audaci, che la famiglia non è semplicemente quella che ci capita ma che possiamo scegliere chi considerare davvero un padre. Ma soprattutto River capirà cosa c'era di sbagliato in lui. Non sarà un'illuminazione sulla via di Damasco eh, come sempre avrà bisogno che qualcuno lo scuota.
Una persona darà il "la" alla crescita di River, Daphne, una ragazza conosciuta al gruppo di supporto, una ragazza con una dipendenza seria le cui radici vengono solo accennate, sarà Daphne a parlargli in modo chiaro e diretto che finalmente gli farà aprire gli occhi. Non tutto sarà però facile come potrebbe sembrare perchè quando le bugie diventano troppe non si sa più a chi ed a cosa credere. Fra dubbi, incertezze, attese, discorsi, ripensamenti,  indecisioni e qualche equivoco la lettura di questo romanzo scorre veloce, si tratta di circa 300 pagine. Non ho mai pensato di abbandonarla ma, alla fine, questa storia non mi ha lasciato la voglia di sapere cosa ne sarà in futuro di River. Mi sta bene averlo lasciato lì, sull'orlo del suo futuro. Spero che imparerà la lezione ma non mi è venuta voglia di scoprirlo. Mi ha attraversato il cuore ma nient'altro.

"Amavo te, ma amo lei. E ora lo capisco perchè hai rotto con me, mi è chiaro, perchè avevi ragione tu: non ero la persona che ti meritavi. Non riflettevo sulle cose e facevo tutto ciò che volevi tu, e alla fine chi può volere uno così? Le vere storie non funzionano in questo modo. Il problema è che ora non sono sicuro nemmeno di essre la persona che si merita Daphne, ed è una cosa che mi fa soffrire da cani." 

E' un romanzo che sebbene non mi abbia coinvolta, comunque, mi ha tenuto compagnia. Lo stile è scorrevole, non ho notato pecche particolari. L'unico personaggio che la scrittrice ha cercato di approfondire è River che comunque rimane un "personaggio in bianco e nero", tutti gli altri li ho conosciuti solo per il lasso di tempo che era necessario a scoprire le interazioni con la crescita del protagonista. Avrei preferito conoscere meglio Daphne per esempio, la ragazza del gruppo di supporto che aiuterà River. Avrei voluto leggere di più sul suo conto per poterla sentire più vicina, per capirla meglio. Così non è stato purtroppo ed è rimasta nella storia solo nei momenti in cui era con River. Peccato perchè oltre a giocare un ruolo centrale nella storia poteva essere interessante scoprire le radici della sua dipendenza, avrebbe di certo dato spessore al romanzo, invece anche lei resta "incompiuta". L'unico personaggio che mi ha letteralmente incantata è la sorellina di River, Natalie. Che autentico gioiello heartreaders, una bimba così sveglia e dolce che vi farà sorridere e che vi distruggerà il cuore travolgendolo con una valanga di tenerezza infinita. 
In definitiva non penso che questo sia un brutto young adult heartreaders ma a mio parere l'autrice è rimasta troppo in superficie alla storia, vedete, se viene toccato un tema forte come la dipendenza, se nella storia vengono inseriti ragazzi segnati nell'anima, mi sembra opportuno approfondire l'aspetto. Va bene, capisco che l'autrice non avrebbe potuto approfondire tutti i personaggi ma almeno quelli cruciali si. Daphne per esempio la considero davvero un' occasione sprecata.  Certi autori non scrivono con le penne ma con i pennelli e visto che uno young che tocchi il tema forte della dipendenza  mi aveva attratta a dismisura, forse avrei preferito fosse stato scritto con un pennello. 



e 1/2

E' solo la mia opinione ovviamente heartreaders, in molti hanno adorato questo libro, magari rileggendolo più avanti potrei cambiare idea, non so, ma di certo al momento è questa la mia personale opinione. Non tutti i libri ci toccano allo stesso modo ma c'est la vie, no?

Voi avete letto il libro? L'avete amato? cosa ne pensate? Non vedo l'ora di saperlo ovviamente. Vi auguro un weekend pieno di letture entusiasmanti e, come sempre, vi mando

l'abbraccio più grande del mondo,
Ely

27 commenti:

  1. Ciao gemellina! Leggendo questa recensione sono contenta di non essermi avvicinata a questo romanzo perchè da come lo descrivi sono certa che avrebbe dato anche a me le stesse impressioni. Quanto sono d'accordo con te sulla questione delle penne e dei pennelli! Non posso che osannarti per questa affermazione. Indi non leggerò questo romanzo anche se, devo essere onesta, già dall'inizio, non mi aveva attratto molto.
    Grazie per i tuoi consigli sempre molto approfonditi e speciali.
    Anche da me il tempo è sempre indeciso, non si capisce se fa caldo o fa freddo... Non vedo l'ora che arrivi l'invernoooo *_____*
    Un abbraccio di cuore e buon weekend! <3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gemellina mia <3 è proprio vero che la pensiamo allo stesso modo, un libro che sorvola senza planare a destinazione non ci convince al 100% però lo stile della scrittrice è scorrevole, spero che un prossimo romanzo (Non su River però please) non si fermi a 300 pagine ma approfondisca ^_^ un abbraccione gigante

      Elimina
  2. Ciao gemellina! Leggendo questa recensione sono contenta di non essermi avvicinata a questo romanzo perchè da come lo descrivi sono certa che avrebbe dato anche a me le stesse impressioni. Quanto sono d'accordo con te sulla questione delle penne e dei pennelli! Non posso che osannarti per questa affermazione. Indi non leggerò questo romanzo anche se, devo essere onesta, già dall'inizio, non mi aveva attratto molto.
    Grazie per i tuoi consigli sempre molto approfonditi e speciali.
    Anche da me il tempo è sempre indeciso, non si capisce se fa caldo o fa freddo... Non vedo l'ora che arrivi l'invernoooo *_____*
    Un abbraccio di cuore e buon weekend! <3<3<3

    RispondiElimina
  3. Alla fine sì, la pensiamo allo stesso modo. Come hai avuto modo di leggere anche dalla mia recensione - forse un po' più cruda - la penso come te sia su River che sulla storia in generale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordissimo Ink, qua la mano ^_^

      Elimina
  4. Ciao Ely, non ho letto il romanzo, però da come lo descrivi sembra che abbia qualche difettuccio.... non credo lo leggerò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo avrei voluto che approfondisse le tematiche forti che tocca ma lo stile è scorrevole <3

      Elimina
  5. Ciao Ely :-* Mi sono imbattuta in questo libro su vari blog: alcuni ne erano entusiasti, altri, come te, un po' delusi.. Sei un punto di riferimento per me, come lo è Antonietta, e anche se un genere non mi piace, se ne parli positivamente e la trama un po' mi incuriosisce, comunque il libro lo prendo in considerazione..In questo caso, come te, anche io credo proverei fastidio per il comportamento di River e visto che se prendo in antipatia un personaggio rimango irritata per tutta la lettura, non credo proprio che darò una possibilità a questo libro..
    Un abbraccio :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Maria ti ringrazio di cuore per le tue parole <3 sei sempre un tesoro <3 un super abbraccione di cuore

      Elimina
  6. Oh che peccato Ely.
    Anch'io contavo di leggerlo presto ma adesso... non so che peccato. E' bruttissimo quando abbiamo alte aspettative su un libro e poi restiamo deluse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici Susy, ci contavo molto <3

      Elimina
  7. Oddio, il fatto che River non voglia prendere la patente è terribile - mi sta venendo voglia di prenderlo ripetutamente a schiaffi. Forse il mio sesto senso aveva ragione se mi faceva essere reticente su questo romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo anche a me ha fatto saltare i nervi River Alice, eccome, ma lo stile della scrittrice è scorrevole <3

      Elimina
  8. Eliiiiiiii!!!
    Questo libro mi ispira trooooppo! 😍😍😍😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che ti piacerà Martina, fammi sapere eh ^_^

      Elimina
  9. Sinceramente non mi attirava la trama e non credo cambierò idea. Bisogna farsi guidare dall'istinto a volte e questo romanzo non fa per me.
    PS. anche da me il tempo è pazzo xD ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo Serena, l'istinto è importantissimo anche per me <3

      Elimina
  10. Ciao Ely!!!
    che bello leggere la tua recension!!
    come sai non sono un'amante del youg adult, e qeusto libro ha fatto dentro e fuori dalla mia lista per ben tre volte...
    leggo le recensioni e i pareri sono uno l'opposto dell'altro!
    alla fine ho deciso di seguire il mio istinto: per qeusta volta lascio perdere e mi concentro su altre letture! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jasmine, si i pareri su questo libro sono contrastanti in effetti, alla fine è sempre meglio seguire il proprio istinto però <3

      Elimina
  11. Avevo già lerto una recensione poco entusiasta su questo romanzo.. già a me non mi ispirava dalla trama alle volte il mio sesto senso è affidabile :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess si si, il sesto senso meglio seguirlo ^_^

      Elimina
  12. Anch'io no sono stata totalmente coinvolta dal romanzo, ma devo dire che tiene buona compagnia. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo Rosie, lo stile mi piace perchè veramente scorrevole ^_^

      Elimina
  13. Ciao Ely ♥ Ho trovato il tuo blog per caso e non ho potuto fare a meno che unirmi ai tuoi lettori :) Qui c'è aria di fresco!
    La tua recensione è davvero carina; il romanzo non mi ispirava già abbastanza (l'unica cosa carina era il titolo, secondo me)! Comunque tu sei stata bravissima nel farmi ridere e nel dipingere nei dettagli ciò che un lettore si accinge a trovare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francy benvenuta! <3 ti ringrazio con tutto il cuore per le tue parole che mi hanno davvero resa felice, ovviamente sono subito volata da te <3

      Elimina
  14. In effett Ely mi ha tratta in inganno anche a me.. credo che esistano storie migliori e raccontate meglio, con personaggi caratterizzati un po' di più! XD

    RispondiElimina