giovedì 6 ottobre 2016

Recensione "Serenity Village" di Susy Tomasiello + chiacchierata con l'autrice

Buongiorno a tutti carissimi heartreaders,
il weekend si avvicina sempre di più ed io sto contando i minuti (ok anche i secondi) lo ammetto. Va bene, va bene, se fossi proprio in modalità "confession" vi direi anche che, in realtà, sto aspettando già le vacanze di Natale ma vabè, con il caldo che fa ancora la mia confessione risulterebbe eccessivamente fuori luogo.

Bando alle ciance però heartreaders perchè il post di oggi è  doppiamente speciale.

Si si, ho scritto proprio "doppiamente", perchè non solo parleremo di "Serenity Village", nuovo libro della mia cara amica Susy Tomasiello, amministratrice unica del Blog I miei magici mondi (eccovi il link) ma anche perchè ospiteremo qui ne Il Regno dei Libri Susy in persona, visto che è stata così gentile da accettare un'intervista non solo su "Serenity Village" ma anche sul suo essere scrittrice. 

E' stato un modo per conoscere meglio Susy e vedrete, oltre ad essere una bravissima scrittrice, è una ragazza talmente gentile che è davvero impossibile non volerle subito bene!

Prima di iniziare lasciatemi solo ringraziare, ancora una volta, Susy per avermi inviato una copia digitale del suo bellissimo libro e per aver accettato l'intervista.


Titolo Serenity Village
Autore Susy Tomasiello
Editore Lettere Animate
Pagine 140
Prezzo ebook: € 0,99
Prezzo cartaceo: € 11,80

Data di pubblicazione 26/08/2016
Link Amazon
Link Mondadori Store
Link Kobo


Elena e Stuart sono una coppia molto innamorata. Un giorno decidono di passare un po’ di tempo lontani dalla confusione familiare e per caso s’imbattono in una strana cittadina, Serenity Village. Sono costretti a passare lì la notte a causa di un guasto alla moto e non ci sarebbe niente di male se questo posto non fosse quasi troppo perfetto.Kledi e Jennifer si trovano lì per diverse ragioni, ma come gli altri due ragazzi si rendono conto che Serenity Village, è completamente diverso da come appare.Sembra un posto perfetto, pulito, pieno di verde eppure è troppo tranquillo, troppo sereno e sembra che tutte le persone che ci vivano siano davvero strane. Che cosa nasconde questo posto? E perché sembra che tutti siano intenzionati a non lasciarli andare via?Una storia che mescola amore e sentimenti con una punta di giallo che si risolverà soltanto grazie alla caparbietà dei giovani protagonisti.


❣ Recensione ❣


Sapete che a volte non riesco proprio a non dar voce al mio lato fashionista, vero heartreaders? Come fare a mettere a tacere la vocina interiore che mi dice "ma che bella cover Ely, inizia la tua recensione  parlando di questa". Ebbene si, oggi non posso proprio non dare retta a questa vocina, la cover di "Serenity Village" mi è piaciuta davvero moltissimo, sin dal momento stesso in cui l'ho vista per la prima volta. Le sagome traslucide della coppia in copertina mi hanno subito intrigata.

I colori dello sfondo poi sono freschi e da sogno. Cosa si celerà dietro un panorama così bello? E perchè le sagome in primo piano sono traslucide?
In una parola? Curiosità. No, datemi almeno due parole: curiosità e mistero.

Ok due parole non mi sono bastate, andiamo avanti!

Serenity Village è una cittadina davvero fuori dagli schemi. Sembra una città sotto incantesimo in cui si ritrovano per sbaglio i nostri protagonisti. A causa di un guasto dei mezzi i nostri sei ignari protagonisti si ritroveranno in una città strana dove ad ogni passo ci sarà un mistero ad attenderli. I personaggi si muoveranno all'interno di questa strana cittadina, ne cercheranno di uscire ma dinamiche misteriose non li faranno allontanare.

Non fraintendetemi, non si tratta di un giallo, questo romanzo è assolutamente un romance ma con sfumature mistery che collocano la storia a metà fra i due generi.

I toni del romance sono forse un po' più accentuati rispetto al mistery e mi è piaciuto il modo in cui Susy abbia guardato nel cuore dei suoi protagonisti. Dopo qualche pagina ne riusciamo a percepire i colori e sfumature.

Lo stile è scorrevole così la lettura procede molto velocemente accompagnandovi in una storia inusuale che vi intrigherà come la trama suggerisce.

Ho letto "Serenity Village" in due serate e devo dire che mi ha tenuta ben lontana dalla tv, volevo proprio sapere cosa ne sarebbe stato dei protagonisti e cosa sarebbe accaduto a Serenity Village e Susy non mi ha delusa neanche nel finale che lascia la curiosità del lettore ben soddisfatta.

Era la prima volta che leggevo un libro di Susy e non vedo l'ora di recuperare i precedenti!


Lo ricorderò con piacere


Una chiacchierata con Susy Tomasiello...

         


1) Grazie di aver accettato il mio invito Susy, partiamo da una domanda personale, se posso permettermi, mi piacerebbe tu raccontassi a me ed a tutti noi heartreaders com’è nata la tua passione per la scrittura e la lettura. Sono nate simultaneamente queste passioni oppure c’è stato un periodo in cui non pensavi avresti iniziato a scrivere?

Ciao Ely e grazie per avermi ospitata nel tuo meraviglioso angolino virtuale. La passione per la lettura è nata fin da piccola, ho sempre amato leggere e questa passione è aumentata e non è mai diminuita col tempo. Quella della scrittura non è arrivata in modo simultaneo, ma quando leggevo le storie mi capitava di immaginare un finale diverso quando qualcosa non mi piaceva oppure di fantasticare su un sequel di qualcosa che mi era piaciuto di più. Col tempo poi ho scritto anche certe idee che mi frullavano per la testa e la mia passione per la scrittura è sempre più aumentata.


2) Chi è Susy Tomasiello nella vita di tutti i giorni? Come riesci a conciliare la tua vita quotidiana con il tuo essere scrittrice? Quanto tempo dedichi ai tuoi romanzi? Scrivi tutti i giorni oppure a periodi?

Tutto dipende dall'idea che ho in quel preciso momento, quando ce l'ho bene in testa allora sono capace di fare anche le ore piccole e mettere tutto scritto. Altri giorni invece il tempo non è abbastanza e poi mi dispiace molto non dedicare un po’ di tempo alla scrittura.


3) Ti ispiri a qualche autore in particolare? Chi è la tua Musa?

Sogno in alto perché cito Jennifer Armentrout, Nicholas Sparks, Colleen Hoover, ma molte altre. Quando leggo qualcosa di autori che mi emozionano, spero sempre di diventare come loro, sognare infondo non costa nulla no?


4) Ti va di raccontarci qual è il rapporto che hai con l’editoria moderna? Questo mondo è come te lo aspettavi? Come hai scelto di affacciarti in questo universo?

Ho cominciato col self publishing perché mi sembrava la strada più giusta per valutare come funzionava questo mondo per me sconosciuto. Mi sono trovata bene e ho avuto piccole soddisfazioni personali. Poi ho deciso di buttarmi su piccole case editrici e devo dire che mi sto trovando bene nonostante siamo davvero tantissimi i giovani autori che vogliono emergere. Spero che l'editoria italiana cresca sempre di più perché ci sono davvero talenti in giro pronti per essere scoperti.


5) Parlando dei tuoi romanzi, che rapporto hai con ciascuno di essi? Sei legata a tutti indistintamente oppure qualcuno ha dei tratti più personali?

Dovrei dire che sono più legata al primo, ma la verità è che ognuno rappresenta un mio modo di descrivere qualcosa. Non mi descrivono direttamente, ma le mie idee e quindi sono legata indifferentemente a tutti.


6) Qual è il personaggio da te creato che ami di più ed al quale ti senti più legata? Quanto c’è di personale nei tuoi libri?

Quando si scrive, si cerca sempre di mettere qualcosa di personale perché diventa più facile. A me però, piace anche scrivere altro, quindi ogni personaggio ha qualcosa che mi rappresenta, ma nello stesso tempo ha qualcosa di diverso perché la bellezza di scrivere è anche creare dal niente storie che prendono lentamente forma.


7) "Serenity Village" è un romanzo davvero accattivante, com’è nata l’idea principale?

Mi piaceva l'idea di una cittadina sperduta nel nulla, mi piaceva l'idea di ragazzi che si incontrano senza conoscersi. Non amo molto il genere horror o thriller e di fatti le mie storie sono sempre incentrate sul rosa, ma stavolta ho voluto dare un tocco di mistero in più.


8) Durante la scrittura hai avuto ripensamenti sulla storia oppure ti attieni sempre all’idea principale senza modificarla in corso di scrittura?

L'idea principale resta la resta fino alla fine, posso modificare qualche dialogo. Oppure cambio la disposizione dei capitoli, ma l'idea non cambia perché su quella si basa l'intero libro.


9) Sei già al lavoro sul prossimo romanzo? Se si, ti andrebbe di parlarci in anteprima dell’idea generale? So che gli scrittori non ne parlano mai prima per cui ti chiedo un solo accenno, anche soltanto al genere a cui apparterrà il nuovo libro.

Io sono una persona alquanta scaramantica, perciò faccio fatica a dire le cose prima di averne la certezza assoluta. In questo caso però, posso dire che si ci sarà una nuova storia presto pubblicata. Un genere rosa (ovviamente) in cui i due protagonisti sono anche vicini di casa che non iniziano la loro conoscenza nel modo più tranquillo possibile.


10) C’è una citazione tratta da uno dei tuoi libri alla quale sei più legata?

Una in particolare non c'è. Diciamo che al momento me ne piace una e poi dopo cambio perché dipende dal momento in particolare.



Ed eccoci arrivati alla fine di questa intervista heartreaders, spero vi sia piaciuta!

Ti ringrazio ancora una volta Susy per aver accettato il mio invito, spero che considererai "Il Regno dei Libri" un po' come casa perchè non vedo l'ora di ospitare ancora te ed i tuoi nuovi romanzi.

E voi heartreaders, conoscete già Susy come autrice oltre che in quanto blogger? Che ne dite, "Serenity Village" potrebbe essere una lettura nelle vostre corde? L'avete già letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere, non vedo l'ora di parlarne insieme.



L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

10 commenti:

  1. Ely ma grazieeeee!
    Sei un vero tesoro <3 <3 <3
    E' un piacere collaborare, parlare e leggere con te. Sono stra felice della tua proposta di questa intervista e sono contenta che il libro ti sia piaciuto.
    Un abraccio enorme!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Susy per me è stato un vero piacere ed un onore leggerti ed intervistarti <3 un abbraccio grande grande <3

      Elimina
  2. Ciao Ely, conosco Susy sia come amica blogger sia come scrittrice: questo suo romanzo non l'ho letto ma mi ispira parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. wow fammi sapere che ne pensi allora Ariel <3

      Elimina
  3. Ciao Ely :-* Davvero invitante come romanzo..mi piace in particolar modo perché il romance si mescola col mistery e anche se non è un giallo vero e proprio, come piacciono a me, pazienza..Sembra comunque davvero interessante *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice che ti incuriosisca Maria, fammi sapere se lo leggi allora <3

      Elimina
  4. Ciao! Non sapevo che Susy fosse anche scrittrice, la conoscevo unicamente come blogger. Questo libro sembra molto carino, credo proprio che lo leggerò. Bella anche l'intervista, complimenti ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena sono felicissima di sapere che il libro ti ispira <3

      Elimina
  5. Ciao dolce Ely, una recensione mirata ma che mette in evidenza i punti di forza e chiarisce molto bene quello che ti ha colpito di più di questo libro. Una storia che sembra scritta bene e di cui ovviamente mi fido grazie soprattutto alla tua opinione in merito.
    Molto carina anche l'intervista! Un modo importante, come dico sempre io, per conoscere l'autore e per dare un quadro completo di ciò che scrive.
    Un abbraccio fortissimo! <3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gemellina sono felice di sapere che i punti di forza che ho riscontrato in questa lettura io sia riuscita ad esprimerli come sai mi fido tanto dei tuoi commenti <3 sono felice che l'intervista ti sia piaciuta <3 un abbraccio di cuore <3

      Elimina