lunedì 27 marzo 2017

"Disney in BookLand"di Susy ed Ely

Buongiorno a tutti miei carissimi heartreaders,
come procedono le vostre letture? Trascorso bene il primo weekend di primavera? Sta per iniziare il periodo delle scampagnate o delle prime gite al mare e devo dire che non mi dispiace per niente visto l'inverno rigido che abbiamo avuto. Quante piogge quest'anno! 

 Risultati immagini per gif spring
Bando alle ciance, d'accordo andiamo al sodo, avete ragione ;) Oggi sono felicissima di annunciarvi il ritorno della rubrica disneyana ideata dalla mia carissima amica Susy e da me.

Come sapete io e Susy siamo entrambe due fan di Mr Disney ed ora più che mai io ho proprio bisogno di rispolverare le fiabe più belle! Mi aiutate?

Beneeee, allora iniziamo!

Disney in BookLand di Susy ed Ely" è la rubrica inventata da me e Susy del bellissimo Blog I miei Magici Mondi in cui, a cadenza mensile, associamo ad un personaggio tratto da un film Disney il personaggio di un libro che abbiamo letto, desiderando che anche voi ci scriviate se condividete le nostre scelte o se invece voi avreste preferito associare il personaggio disney del mese con quello di un altro libro.

Purtroppo l'appuntamento del mese scorso è saltato a causa mia ma la dolcissima Susy è davvero un tesoro e, nonostante le abbia un po' scombinato la pianificazione, mi ha incoraggiata a riposare per riprendermi. Oggi però siamo qui insieme e prontissime a riprendere in mano la nostra amatissima rubrica.

Ebbene, sapete come abbiamo deciso di festeggiare il nostro rientro? Ebbene si, abbiamo deciso di parlare non già di uno bensì di due personaggi disney! Vi do un indizio.. si tratta di una regina e di una principessa! Dai, adesso è facilissimo.. non sono brava a dare indizi mi sa!

Dunque i personaggi di questo mese sono..

Elsa ed Anna di Frozen!!

Risultati immagini per elsa anna frozen

Frozen è uno dei nuovi classici disney e devo dire che, nonostante io sia affezionata ai film disney che hanno colorato la mia infanzia, devo dire che, da quando l'ho visto per la prima volta, Frozen mi è subito rimasto nel cuore.

Le musiche, i disegni, la storia... tutto mi ha conquistata e devo dire che la storia di Elsa ed Anna ha subito occupato un posto speciale nel mio cuore. Canticchio le canzoni come una bimba, si lo ammetto!

Elsa ed Anna sono sorelle ed il loro rapporto è al centro della storia, non avendo sorelle non posso dire con assoluta certezza di sapere cosa provano entrambe ma posso dire che la loro storia mi ha fatto comprendere, ancora una volta, quanto sarebbe stato bello avere una sorella accanto.

Per la realizzazione di Frozen Mr Disney si è liberamente ispirato alla fiaba di Hans Christian Andersen "La regina delle nevi" ed adesso stiamo per scoprire come ed in che misura il film riprende la storica fiaba.

La regina delle nevi

Risultati immagini per la REgina delle nevi andersen

Si tratta di una delle fiabe più lunghe del celeberrimo scrittore danese Hans Christian Andersen, infatti essa consta di ben sette storie, ciascuna compiuta. "La regina delle nevi" inoltre è anche il titolo della settima ed ultima storia e ne rievoca la regina che ne è l'antagonista principale.


Qui di seguito vi propongo il riassunto di tutte e sette le storie che compongnono "La regina delle nevi" e vi ricordo che i riassunti sono tratti dall'immancabile Wikipedia (cliccate qui per la pagina completa).

Prima storia, che tratta dello specchio e delle schegge
In questa prima sezione viene narrato l'antefatto: si racconta come un troll malvagio abbia creato uno specchio capace di far sparire tutto ciò che di bello si specchia in lui, e di accentuare e di deformare tutto il cattivo. In seguito, lo specchio si rompe in mille frammenti che vengono dispersi per il mondo, entrando negli occhi e nei cuori degli uomini corrompendo le loro anime.
Seconda storia. Un bambino e una bambina
Si presentano i protagonisti, il bambino Kay e la bambina Gerda. Kay e Gerda sono vicini di casa, e le loro finestre, all'ultimo piano di alti palazzi, sono unite da un piccolo giardino pensile, ricolmo di rose. Un giorno, mentre i bambini sono nel giardinetto, un frammento dello specchio malvagio entra nell'occhio di Kay. Da quel momento Kay diviene cattivo ed acido con tutti, persino con Gerda. Un giorno, mentre Kay gioca con lo slittino nella piazza del paese, si attacca alla slitta della regina delle nevi e viene trascinato via, senza riuscire a staccarsi. La regina delle nevi lo incanta con un bacio, facendogli perdere la memoria e impedendogli di avvertire il freddo.
Terza storia. Il giardino fiorito della donna che sapeva compiere magie
Nella terza parte Gerda, disperata per la scomparsa di Kay, decide di andare a cercarlo. Sale su una barchetta e chiede al fiume, in cambio delle sue scarpette rosse, di portarla da Kay. La barca si arena nei pressi di una casetta in mezzo ad un giardino di fiori, dove vive una vecchia maga. La maga incanta Gerda facendole dimenticare Kay e fa scomparire tutte le rose del giardino sottoterra, affinché queste non le ricordino il suo amico perduto. Ciononostante, dopo qualche tempo Gerda vede una rosa dipinta, si ricorda di Kay e, dopo aver interrogato invano tutti i fiori del giardino, riparte alla sua ricerca. Nel frattempo è arrivato l'autunno.
Quarta storia. Il principe e la principessa
Nella quarta storia Gerda incontra una cornacchia, che le racconta di come un ragazzo sconosciuto abbia da poco sposato la principessa del paese. Nella sua descrizione Gerda crede di riconoscere Kay e, con l'aiuto della cornacchia, entra nella reggia e nella stanza della principessa e del suo sposo. Però questi non è Kay, sebbene gli somigli. Commossi dalla sua storia, i principi regalano a Gerda una carrozza con la quale proseguire la ricerca.
Quinta storia. La figlia del brigante
In questa sezione Gerda viene assalita dai briganti, a causa della carrozza e dei ricchi vestiti che le sono stati donati. I briganti vogliono ucciderla, ma vengono fermati dalla figlia del capo, che desidera che Gerda diventi la sua compagna di giochi. La figlia del brigante tiene prigionieri due colombi selvatici e una renna, i quali, dopo aver ascoltato la storia di Gerda, le dicono di avere visto Kay in Lapponia, nel palazzo della regina delle nevi. La figlia del brigante lascia liberi Gerda e gli animali, che partono per la Lapponia.
Sesta storia. La donna di Lapponia e la donna di Finlandia
Gerda trova ospitalità in Lapponia presso una povera donna. La donna di Lapponia le affida un messaggio - scritto su un pesce - per la donna di Finlandia, che potrà aiutarla. La donna di Finlandia, una maga, spiega a Gerda dove sia il palazzo della regina delle nevi, e le spiega che non avrà bisogno di altri poteri per sconfiggere la regina oltre quelli che ha già.
Settima storia. Che cosa era successo nel castello della regina delle nevi e che cosa accadde in seguito
Nella settima storia viene raccontato innanzitutto come Kay sia stato soggiogato dalla regina delle nevi e costretto a comporre all'infinito parole con alcuni frammenti di ghiaccio. Solo se riuscirà a comporre la parola "eternità" potrà arrivare ad essere padrone della propria vita. Mentre Gerda sta arrivando al palazzo, la regina lo lascia. Gerda trova Kay, lo abbraccia e con le lacrime scioglie il ghiaccio nel cuore di Kay. Kay la riconosce e si mette a piangere, facendo così uscire dall'occhio il frammento di specchio. Mentre Kay e Gerda festeggiano e danzano, le vibrazioni dei loro passi fanno muovere i frammenti di ghiaccio sul pavimento, che compongono spontaneamente la parola "eternità", liberando Kay.

Frozen. Il regno di ghiaccio.


Risultati immagini per frozen 

Si tratta del 53° Classico disney, è stato distribuito in Usa il 27 Novembre 2013 ed in Italia il 19 Dicembre dello stesso anno. Frozen ha vinto ben due premi Oscar, uno come miglior film d'animazione ed uno per la canzone "Let it go" ("All'alba sorgerò" nella versione italiana). Oltre al successo agli Oscar, Frozen è in assoluto il film d'animazione che ha realizzato il maggior incasso nella storia del cinema.

La storia raccontata in Frozen è molto diversa da quella della fiaba di Andersen perchè racconta di Elsa ed Anna, la regina e la principessa del regno di Arendelle, ed è la prima volta che le protagoniste di un film disney sono due pricipesse consanguinee.

Trama tratta da Wikipedia (qui la pagina completa da Wikipedia):
La principessa Elsa è la primogenita della famiglia reale di Arendelle, un regno situato su un fiordo della penisola scandinava. Da bambina, per giocare con la sua sorellina Anna, usa un particolare potere magico che ha sin dalla nascita: può infatti creare e manipolare il ghiaccio. Tuttavia un giorno Elsa finisce per colpire involontariamente Anna alla testa con un getto di ghiaccio, che la lascia priva di sensi. Il re e la regina di Arendelle chiedono aiuto ai Troll, il cui re, Gran Papà, spiega che, nonostante il potere di Elsa sia un dono, è anche una tremenda maledizione. Il Troll quindi rimuove dalla mente di Anna il ricordo dei poteri della sorella, ma non dei bei momenti trascorsi insieme, e i regnanti promettono che Elsa imparerà a controllarli prima che diventino troppo pericolosi. Dunque da quel giorno decidono di tenere la figlia maggiore nascosta al mondo e addirittura ad Anna. Quando però il re e la regina muoiono in un naufragio, le due sorelle rimangono più sole che mai.
Anni dopo a luglio, appena compiuti 21 anni, Elsa è pronta per salire al trono. Viene perciò organizzata una grande festa e il palazzo è riaperto al popolo per la prima volta dopo molto tempo. Anna conosce uno degli invitati, il Principe Hans delle Isole del Sud; i due si piacciono subito e lui le chiede di sposarlo. Anna accetta ingenuamente, ma Elsa rifiuta di dare alla coppia la sua benedizione, giacché si conoscono a malapena. Anna allora le rinfaccia tutti gli anni di solitudine che le ha fatto passare e, nella discussione che ne segue, Elsa sprigiona involontariamente i suoi poteri davanti a tutti i presenti, perdendone il controllo e causando un inverno perenne su Arendelle mentre fugge terrorizzata dalla città.
Elsa trova rifugio in cima alla Montagna del Nord; qui, libera per la prima volta da tutti i vincoli, dalle imposizioni e soprattutto dalle sue paure, decide di dare completo sfogo ai suoi poteri: costruisce un magnifico palazzo di ghiaccio e dona inconsapevolmente vita ad Olaf, sembianza di un pupazzo di neve con il quale lei e la sorella giocavano da bambine. Nel frattempo Anna si mette all'inseguimento di Elsa, pensando di poter chiarire tutto e riportarla sul trono, mentre Hans è incaricato a regnare temporaneamente su Arendelle. Durante il viaggio, Anna fa la conoscenza di Kristoff, un venditore di ghiaccio, e della sua renna Sven (che tempo addietro assistettero al salvataggio di Anna da parte dei Troll). La principessa convince l'uomo a farle da guida verso la montagna, con la promessa di un fiorente commercio di ghiaccio e una nuova slitta, dal momento che la sua personale è distrutta dopo un inseguimento da parte di un branco di lupi. Il gruppo fa anche la conoscenza di Olaf, che li conduce dritti dalla regina.
Le due sorelle si rincontrano, ma ben presto litigano: Anna vorrebbe riportare Elsa a casa, ma quest'ultima ha ancora paura di poterle far male e rifiuta l'offerta. Tuttavia, quando Anna insiste, Elsa perde il controllo e, nella furia, colpisce Anna al cuore con un getto di ghiaccio senza rendersene conto. Quindi allontana Anna, Kristoff e Olaf dal castello creando Marshmallow, un gigantesco mostro di ghiaccio. Al termine della fuga, i capelli di Anna cominciano a diventare bianchi e la ragazza avverte un fortissimo freddo. Kristoff la porta dai suoi genitori adottivi, per l'appunto i Troll, che immagina siano capaci di guarirla nuovamente. Questa volta però, essendo stata colpita al cuore, solo un atto di vero amore potrà salvarla da un'orribile sorte: diventare completamente di ghiaccio.
Ritornano verso Arendelle, credendo che Hans possa salvare Anna baciandola; il principe è però partito verso il castello di Elsa, insieme agli sgherri dell'avido duca di Weselton, desideroso di fare man bassa sulle ricchezze di Arendelle. Qui ha luogo una battaglia, al termine della quale Hans sconfigge Marshmallow ed Elsa, perdendo i sensi, viene riportata ad Arendelle, dove è tenuta prigioniera. Anna intanto arriva alla reggia, sempre più debole, ma quando chiede ad Hans di baciarla, questi le nega la salvezza, rivelando in realtà di non averla mai amata e di aver finto per poter regnare su Arendelle, dopo averla sposata e ucciso sua sorella Elsa. Con l'imminente morte di Anna, ritiene che uccidendo Elsa darà fine all'inverno perenne e sarà acclamato come un eroe. Lasciata la ragazza morente al freddo, riferisce alla corte e al duca di Weselton che sono stati i poteri di Elsa ad uccidere Anna: così accusa la regina di alto tradimento e la condanna a morte. Tuttavia Elsa si libera grazie ai suoi poteri e fugge scatenando una tempesta di neve. Olaf intanto trova Anna e riesce a riscaldarla, rallentandone la morte; le rivela poi che Kristoff è innamorato di lei e quindi il suo bacio può salvarla. Infatti il giovane, dopo aver visto la tormenta, sta tornando per aiutarla e contemporaneamente Anna, sebbene debole, si mette alla sua ricerca. Intanto Hans trova Elsa e le mente, dicendole che Anna è morta a causa sua; disperata, Elsa crolla a piangere e la tempesta si acquieta. Kristoff e Anna, scorgendosi, corrono l'uno verso l'altra, ma la ragazza vede in lontananza che Hans sta per uccidere la regina e, rinunciando al bacio, decide di sacrificarsi per difendere Elsa, frapponendosi tra lei e il principe. Fermerà la spada diventando nello stesso istante una statua di ghiaccio.
Elsa rimane sconvolta dall'accaduto, ma la scelta di Anna, di rinunciare alla propria vita per salvare la sorella, è in realtà un atto di vero amore fraterno, che scioglie il suo cuore di ghiaccio e le permette di risvegliarsi. Quindi Elsa capisce che la chiave per controllare i suoi poteri è proprio l'amore e riesce finalmente a spezzare l'incantesimo dell'inverno perenne. Hans viene ricondotto nel suo regno dove verrà punito dai suoi fratelli; l'avido Duca di Weselton viene cacciato e esiliato, dopo aver appreso che Arendelle non effettuerà più scambi commerciali con il suddetto; infine, Anna e Kristoff sono liberi di amarsi e a Olaf, che inizia a sciogliersi, è permesso di sopravvivere grazie ad un ulteriore incantesimo di Elsa, che riprende il suo posto di regina smettendo di nascondere i suoi poteri e utilizzandoli per il bene comune.

Frozen è stato uno dei successi più grandi di disney anche per quanto al franchise collegato al film ed ancora oggi le bimbe chiedono a gran voce il sequel sul grande schermo.

Per quanto alla realizzazione del film, la Disney ha avuto numerosi problemi infatti il progetto era in cantiere già dagli anni '40 ma, a causa dei diritti sulla fiaba ancora in mano alla famiglia di Andersen, Disney dovette temporaneamente rinunciare e mettere il progetto in stand by. 
Di certo Frozen è entrato a pieno titolo nell'Olimpo dei Classici Disney più di successo e ciò anche grazie alla bellissima colonna sonora sia in lingua originale che nella versione italiana. Personalmente adoro sia la bellissima "Let il go" che l'italiana "All'alba sorgerò", così come la dolcissima "Facciamo un pupazzo insieme?" che sinceramente mi fa sempre commuovere! E no, so cosa state pensando, non sono solo gli ormoni a farmi commuovere in questo momento, questa canzone è davvero dolcissima secondo me! 


Vi ricordo che in Usa Anna è doppiata dalla celeberrima Kristen Bell (chi non ricorda Veronica Mars?!) mentre Elsa è doppiata dalla bravissima Idina Mezel,  in Italia, invece, Anna è doppiata da Serena Rossi ed Elsa da Serena Autieri. Adoro tutte e quattro queste voci che, secondo me, hanno saputo dar vita nel modo più vero ed autentico a queste indimenticabili protagoniste.

Ed ora credo che sia davvero giunto il momento di scoprire chi sono per me le mie Anna ed Elsa letterarie. Questa volta in BookLand ho scomodato due icone nata da una delle penne più apprezzate di tutti i tempi. Pronti?

Le mie Anna ed Elsa sono ... Marianne ed Elinor di "Ragione e sentimento"!!

Risultati immagini per ragione e sentimento 



Ragione e sentimento
Jane Austen

Editore: Feltrinelli
Prezzo: Rigido 8,50€ Ebook --,--
Pagine: 368
Serie: Autoconclusivo

Trama: Lo scenario è la lussureggiante campagna inglese. Siamo a cavallo fra due secoli, Settecento e Ottocento. Tre sorelle perdono il padre, venendo a trovarsi in ristrettezze economiche. Le reazioni a catena generate dall’improvvisa povertà influenzeranno profondamente le loro vite, anche negli aspetti più privati. Jane Austen costruisce attorno a due delle sorelle una corrente emozionale potentissima, utilizzando la prima, Elinor, come incarnazione della “ragione” e l’altra, Marianne, del “sentimento”. La tensione fra queste due forze, egualmente potenti, consente a Jane Austen di intessere una storia indimenticabile, amatissima dai lettori e dalle lettrici sin dalla prima pubblicazione di due secoli fa, nel 1811.. 


C'è poco da fare heartreaders, quando si sul dire "un nome una garanzia", Jane Austen rimane una delle più affascinanti regine nel cuore delle lettrici di tutto il mondo. "Ragione e sentimento" secondo me è davvero uno dei suoi libri più belli, le protagoniste sono semplicemente autentiche. Marianne vive di passione e cuore, Elinor invece è la voce della ragione ma, chi non ha letto il libro, non pensi minimamente che queste parole siano esaurienti perchè queste due protagoniste sono un caleidoscopio di sensazioni, anime complete nel vero senso della parola. In chi mi sono riconosciuta? In Marianne o in Elionor? Beh, in entrambe (non è un ossimoro!). Così come Anna, Marianne vive di spontaneità (si, non condividono solo la chioma ramata) mentre Elinor, così come Elsa, tiene distaccato il suo cuore. Ragione e sentimento, razionalità e passione, ghiaccio e fuoco insomma.

Che dire di più se non che consiglio a tutti la lettura di "Ragione e sentimento"? E' davvero una pietra miliare della letteratura mondiale, un capolavoro che però rimane sempre giovane e fresco ma d'altronde non è forse questo il potere magico dell'intramontabile Jane Austen?

E voi che ne dite carissimi heartreaders? Il post di oggi penso sia forse eccessivamente lungo, mi dispiace se vi ho annoiato ma mi capita di essere prolissa, se poi parliamo di un film disney che amo alla follia e di uno dei libri che albergherà per sempre nel mio cuore, beh, si salvi chi può! 

Non vedo l'ora, come sempre, di scoprire cosa ne pensate di Frozen, della fiaba di Andersen ed ovviamente del mio abbinamento libresco! Amate come me tutti questi capolavori?

Prima di volare da Susy per scoprire chi sono le sue Anna ed Elsa, fatemi sapere chi sono le vostre mi raccomando, io sono pronta a prendere carta e penna ed a segnarmi tutti i vostri consigli di lettura come sempre!

Ed ora.. voliamo da Susy insieme 💓

L'appuntamento con Disney in Bookland è per il prossimo mese!


L'abbraccio più grande del mondo,
 



23 commenti:

  1. Ciao Ely! Mi piacerebbe un sacco leggere tutti i racconti de "La regina delle nevi"! Adoro Frozen, e credo che il parallelismo con "Ragione e sentimento" sia molto calzante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia!! wow se leggi La regina delle nevi fammi sapere, piacerebbe moltissimo anche a me leggere il libro originale *___*

      Elimina
  2. bellissimo post e molto interessante! un abbraccio e buona settimana Ely!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Saya! Un mega abbraccione anche a te e buona settimana <3

      Elimina
  3. Ciao Ely!
    Frozen mi piace moltissimo, anzi è uno dei film Disney che preferisco e l'abbinamento mi sembra proprio funzionare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Erica sono contenta che l'abbinamento ti sia piaciuto <3

      Elimina
  4. CIao ELy!
    L'abbinamento è più che giusto, adoro il libro e anche il film adoro Frozen e adoro questa rubrica!
    Un abbraccione!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao Ely, bellissimo Frozen, e anche il tuo abbinamento ;-)

    RispondiElimina
  6. Aspettavo da tanto il ritorno di questa rubrica. Devi sapere che io ho due fratelli piccini e che quando avevano due anni si addormentavano tutte le sere guardando Frozen, è sicuramente una delle fiabe che mi è rimasta nel cuore e forse ad oggi è la mia preferita, nonostante sia cresciuta con la fissa di Cenerentola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale ciaoo <3 felicissima che Frozen ti piaccia, io davvero lo amo alla follia ma chi potrebbe mai dimenticare Cenerentola? La verità è che credo di adorare tutti i classici Disney *___*

      Elimina
  7. Ciao Ely, è bellissimo riaverti attiva con i tuoi post pieni di entusiasmo:)
    A me Frozen è piaciuto il giusto e il motivo è che ho odiato Anna, mentre Elsa è diventata uno dei miei personaggi Disney preferiti! E ti dirò, l'accostamento con Marianne ed Elinor, che non mi sarebbe mai venuto in mente, calza proprio a pennello:)

    RispondiElimina
  8. Quanto mi piace Frozen... e anche il tuo abbinamento!
    Questa rubrica è fantastica!
    Un bacio

    Nuovo post sul mio blog!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
  9. Ciao Ely! Direi che hai fatto un ottimo paragone con questo cartone Disney, sai quanto amo la Austen e "Ragione e Sentimento" non fa eccezione! Non conoscevo la favola ma è molto bella, un bacio =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena siamo entrambe grandi ammiratrici della Austen allora ne sono stra super felicissima! *___* <3

      Elimina
  10. Ciao ElY!
    Che bel ritorno questa rubrica!!
    Ammetto che Frozen non mi è piaciuto molto... forse per le troppe canzoni che non apprezzo particolarmente.
    Però non immaginavo che dietro la storia ci fossero così tante versioni!!
    Devo leggere "Ragione e sentimento" per forza, perchè sono a proprio a corto di cultura Austeniana!! :D :D

    RispondiElimina
  11. Ciao Ely, purtroppo non conosco quelle fiabe, invece per quanto riguarda Jane Austen... ho letto tutti i suoi capolavori, amo alla follia Ragione e Sentimento e ogni protagonista a cui ha dato vita come del resto poteva fare soltanto lei, in più, penso che i classici siano immortali e mai fuori moda, anzi! ^_^

    Grazie per quel coniglietto... io amo i coniglietti <3
    Ancora un milione di congratulazioni e... stai a riposo, mi raccomando, spero di poter tornare presto. Un abbraccione!! <3 <3 <3

    RispondiElimina
  12. Ciao Ely! Hai fatto un post davvero completo ed esplificativo, come sempre bellissimo! Adoro questa rubrica *.*
    Inoltre, CONGRATURAZIONI! <3 :D
    A presto ^^
    -G

    RispondiElimina
  13. Ciao Ely! Amo Frozen, mai avrei pensato di innamorarmi di un cartone dato che non ne vedo praticamente più! Rimarrà anche a me nel cuore! Comunque bellissimo abbinamento *-*

    RispondiElimina
  14. Ciao Ely! Ragione e sentimento è uno di quei libri che devo leggere ma che poi dimentico...devo rimediare subito :D

    RispondiElimina