martedì 12 settembre 2017

"Sei il confine della mia pelle" il nuovo contemporary romance di Antonietta Mirra


Buongiorno a tutti carissimi heartreaders,
eccoci ad una nuova settimana! Avete iniziato la settimana con il piede giusto? Qui ieri ci siamo svegliati con un fortissimo acquazzone che però è durato poco, alle 10 della mattina erano già tornati gli inseparabili sole e caldo.  Non ho voglia di lamentarmi però, non dopo quello che è successo a causa del mal tempo nello scorso weekend. Non ci sono parole, solo preghiere.

La giornata di oggi ne Il Regno dei Libri è dedicata alla pubblicazione del nuovo romanzo di Antonietta Mirra, "Sei il confine della mia pelle", un contemporary romance che sono certa infiammerà molti cuori!

Se non lo sapeste già, Antonietta è admin del bellissimo blog "L'amica dei libri", angolo di blogosfera fra i più seguiti e decisamente fra i più aggiornati. Se non lo conosceste non dimenticate di passare di lì, è uno dei migliori blog in circolazione.

Antonietta ha esordito come autrice subito prima dell'estate, il suo primo romanzo, "Ogni notte vengo a cercarti", appartiene al genere paranormal romance ed io ho avuto la fortuna di leggerlo (QUI la mia recensione) e ,se ricordate, l'ho assolutamente adorato. Lo stile di Antonietta è superbo, unico ed accattivante come le storie meravigliose che ci racconta!

Ma andiamo a scoprire subito dati e cover di questo secondo romanzo della bravissima e talentuosi
ssima Antonietta.


Sei il confine della mia pelle
Antonietta Mirra

Editore: Autopubblicato
Prezzo: Rigido 9,00 € Ebook 2,99 Gratis con Kindle Unlimited
Pagine: 262
Serie: Pelle#1

Trama: Alexandra vive per il fratello malato e lotta contro la madre che non sa cosa significhi prendersi cura dei suoi figli. Quando trova lavoro come ballerina presso il Devil’s Night, il locale più esclusivo di Manhattan, è convinta che con i soldi che guadagnerà, riuscirà a salvare David dalla sua dipendenza. È l’unica cosa che le interessi davvero, almeno fino a quando… non incontra lui. È bello da fare male e i suoi occhi verdi e profondi la incatenano ad un sogno proibito che non può permettersi di desiderare. Alexandra scopre che è un cliente abituale e… sa che non può essere suo. Lui la incuriosisce, l’attrae in un modo disatteso e spiazzante, lui sembra la luce in tutto quel buio di sporco e di sofferenza… Lui si chiama Blake e da oggi sarà la sua dannazione. Blake è un uomo abituato a nascondersi, alla solitudine e al silenzio. Eppure quando incontra Alexandra, vorrebbe strapparsi la maschera che è costretto ad indossare e farla sua, mostrandole chi è realmente. Ma non può. Nemmeno quando un uomo dagli occhi di ghiaccio, potente e disarmante, irrompe nelle loro vite, minacciandone la libertà. In un crescendo di avvenimenti, di scontri e di scelte inesorabili e dolorose, i due protagonisti si ameranno e si odieranno, si cercheranno e si faranno del male, si feriranno e si nutriranno l’uno del dolore dell’altra in un turbine passionale che non farà altro che rendere indissolubili i loro corpi come le loro anime. L’amore scoppierà, incatenerà e rapirà bruciando la pelle e superando ogni confine. Alexandra e Blake dovranno combattere contro chi li vuole separare, contro chi minaccerà le persone che amano e contro se stessi perché il loro amore è talmente forte e famelico e feroce da rischiare di divorarli. Troveranno un equilibrio sopra la follia?. 



Estratti



#1

Due occhi profondi e distanti mi inchiodarono nel punto esatto in cui ero, togliendomi ogni forza. Erano rapaci, suggestivi, inusuali. Attraverso la poca luce che ci circondava, sembravano splendere ammaliatori e ingannevoli. Si fissarono su di me per un tempo che mi parve infinito fino a quando piegò leggermente la testa di lato come se stesse guardando qualcosa di strano e di incomprensibile.
Me.
Strinse impercettibilmente gli occhi come se volesse mettere a fuoco più dettagli possibili e senza smettere di guardarmi si portò il bicchiere alle labbra, bevendone, in un unico sorso, tutto il contenuto. Solo allora mi accorsi della barba, scura e folta che gli incorniciava quelle labbra che con un gesto istintivo della mano, si pulì, passandoci il dito.
Non riuscivo a muovermi, non potevo fare un solo passo, i suoi occhi mi inchiodavano a lui come un incantesimo. Mi stavano risucchiando e li sentivo scorrere sulla pelle come se fossero mani in cerca di qualcosa. Cosa stavano cercando?

Quello sguardo sapeva di pericolo, di qualcosa di ambiguo che ti ansima dentro e che ti chiede di soddisfarlo. Uno sguardo così terribile da essere marmo e velluto nello stesso dannato istante.
Come si sopravvive all’impenetrabile che ti penetra dentro?



#2

«Perchè stai arrossendo?»
«Per come mi guardi...»
«Perchè, come ti sto guardando?» Il suo sguardo si fece impertinente, un luccichio giocoso apparve negli occhi e capii che voleva provocarmi. Aveva capito perfettamente l'effetto che aveva su di me e ci stava provando chiaramente gusto a stuzzicarmi.
«Non lo sai? Non mi dire... Vuoi che te lo dica io? Sei un egocentrico furfante, signor Blake. Mi stai guardando come se volessi farmi a pezzi.»

Sorrise di nuovo, questa volta più apertamente. Denti perfetti e bianchissimi fecero capolino e abbassò leggermente il capo, socchiudendo appena gli occhi. Quando li rialzò, il suo sguardo era cambiato, magnetico e terribilmente serio. Quello sguardo che ti strappa il respiro, che ti mette le mani addosso senza toccarti, che ti riduce a brandelli il cervello. «Sei perspicace, Alexandra. O lo sei con tutti o sei particolarmente brava a sentire come ti guardo io. Quale delle due?» Si avvicinò di qualche passo e il suo odore mi pervase come la prima volta, inondandomi il corpo e la mente. Era dappertutto, stava prendendo possesso di me senza nemmeno sfiorarmi. E io glielo stavo lasciando fare.
«Perchè vuoi saperlo, cosa cambia?» Ecco che la voce mi stava tradendo un'altra volta. Stavo iniziando a tremare, l'emozione era ormai prossima a scuotermi l'anima. E lui non doveva vedere, non poteva sapere.
«Voglio sapere se sono io il fortunato. Se sono io l'unico che ti fa tremare solo guardandoti.»

Il suo divenne un sussurro mentre avvicinava le labbra alle mie. I suoi occhi cadevano sulla mia bocca e io avevo ufficialmente disimparato a respirare. Temevo che il cuore mi schizzasse fuori dal petto mentre sentivo le gambe cedere ad ogni suo respiro. Erano secondi senza tregua, momenti senza tempo, in cui perdersi, ritrovarsi e perdersi di nuovo. Perdere e ritrovare lui, nient’altro. Io lo avvertivo, avvertivo soltanto Blake, dentro e fuori di me.



#3


Diedi un ultimo sguardo al pubblico e poi chiusi gli occhi, immergendo le mani nei capelli ed alzandoli con fare voluttuoso e sensuale, abbassandomi leggermente e mettendo in bella mostra il mio culo che ormai il vestito copriva a malapena. Sentii subito le esclamazioni di approvazione e quelle che mi incitavano a continuare su quella strada.
Lasciai andare i capelli e con le mani iniziai ad accarezzarmi il corpo, facendole scivolare tra le gambe e percorrendole dall’interno, sopra il vestito, fino a raggiungere le caviglie, per poi risalire, alzando vistosamente l’abito e scoprendo parte della carne.
Fu quando aprii nuovamente gli occhi che mi scontrai con uno sguardo che mi raggelò all’istante.
E allo stesso tempo mi bruciò come le fiamme dell’inferno venute a reclamarmi.
Blake mi osservava dal fondo della sala, avvolto da un’oscurità magnetica, conturbante, spaventosa, ma così terribilmente eccitante. I suoi occhi dardeggiavano nei miei, erano incandescenti, imperiosi, ma anche caldi e letali. La sua espressione era seria e pericolosa, era un animale che aveva adocchiato la sua preda e non aveva nessuna intenzione di lasciarsela scappare.
Sentivo l’odore del suo odio, lui voleva farmelo sentire, voleva che capissi che mi odiava per quello che gli avevo detto e per il modo dannato in cui mi voleva.
Totalizzante e primordiale, avido e vorace.
Mi guardava come se la sua voglia di me giungesse dalle caverne più buie e nascoste, dagli antri più silenziosi ed inquietanti, dai recessi più perversi dell’anima.
Quanti anni hai, stasera?
Quanti me ne dai, bambina?


Che ne dite heartreaders? Vi incuriosisce? Il genere fa per voi? Conoscete Antonietta sia come blogger che come autrice? Io che la leggo da tempo vi assicuro che il suo stile mi ha sempre emozionata e con il suo romanzo d'esordio mi ha stregata, sono certissima che mieterà solo consensi anche con questo nuovo romanzo, il più grande in bocca al lupo Antonietta cara anche se davvero non ne hai bisogno perchè è il tuo talento a parlare!


Aspetto di sapere che ne pensate carissimi heartreaders, a prestissimo!



L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

3 commenti:

  1. ...ma perché una copertina tanto brutta?
    cioè, già la trama non è di quelle che spronano alla lettura, una come me no di sicuro, però dai... la copertina è il biglietto da visita dai

    RispondiElimina
  2. Conosco il suo primo libro e concordo con te, stile unico e particolare. Sono un po' titubante stavolta però, perchè temo sia un po' forte per i miei gusti. Vedrò, ciaoo ^^

    RispondiElimina
  3. Carissima Ely, grazie di cuore per la segnalazione e per le tue parole. <3 Mi regali sempre sorrisi quando arrivo qui e ti leggo. La tua fiducia mi riempie di gioia e mi dà coraggio.
    Un abbraccio forte. :*

    RispondiElimina