martedì 24 ottobre 2017

Una chiacchierata con Marco Chiaravalle: il suo esordio con "Dietro anime d'inchiostro"

Buongiorno a tutti carissimi miei heart-readers,
questo di oggi è un post a cui tengo davvero molto e, se mi seguite da un po', leggendo il titolo saprete già anche il perchè.

Ebbene, oggi qui ne Il Regno dei Libri torna Marco Chiaravalle che, poco più di un anno fa,  con il suo "Scusate.. non c'è niente da vedere" aveva sbalordito la lettrice che c'è in me!  Magnetico. Unico. Perforante. Indimenticabile (QUI la mia recensione).

Concludendo quella mia recensione, feci una promessa a Marco, ricordate? Gli promisi che quando (non "se"!) un giorno il suo libro sarebbe stato pubblicato da una CE ed avrebbe avuto la sua bella edizione cartacea, allora, gli avrei dato un posto in primo piano nella mia libreria. Quale?Accanto a "L'ombra del vento" di Carlos Ruiz Zafòn, uno dei miei libri che più ho amato da sempre. Perchè? Semplice. Stessa magia.

Felice ed emozionata, oggi sono qui anche per mantenere  quella promessa... complimenti Marco, questo è un meritatissimo traguardo raggiunto, un successo che ho sempre pensato il tuo libro dovesse avere.


Non so se lo ricordate ma, dopo quella prima recensione, Marco Chiaravalle ritornò qui da noi  anche in occasione di un'intervista incrociata con Tania Paxia. Entrambi, giovanissimi autori pieni di talento, mi fecero l'onore di essere qui insieme e risposero ad una sfilza di domande sul rapporto tra i giovani autori di oggi e l'editoria moderna. (QUI l'intervista). E' passato un anno da quel giorno, oggi Tania ha abbandonato il selfpublishing ed è pubblicata dalla Newton Compton (sappiamo tutti che meritatissimo successo stia avendo!), Marco è pubblicato invece da La strada per Babilonia e sta mietendo un gran bel successo con il suo esordio. Non potrei essere più felice nel vedere quanto amore stanno riscuotendo Tania e Marco tra i lettori e che successo stiano avendo! Credetemi se vi dico che sono pronta a regalare per Natale "Dietro anime d'inchiostro" a tutti gli amici e parenti, è una storia talmente emozionante che mi risolverà tutti i problemi da Babbo Natale, è assolutamente perfetto.


Dietro anime d'inchiostro
Marco Chiaravalle

Editore: La strada per Babilonia
Prezzo: Rigido 13,00€ Ebook 3,99
Pagine: 196
Serie: Autoconclusivo

Trama: Marco, aspirante scrittore frustrato e dalla fervida immaginazione, non riesce a portare a termine i suoi romanzi. Accanto a lui c’è Mike, protagonista di una storia lasciata in sospeso e che vorrebbe poter continuare a vivere tra le pagine. Poi c’è Michelle, ex fidanzata, la cui presenza si fa sentire quando Marco inizia a frequentare Alice, la ragazza che legge sempre lo stesso libro a parte l’ultima pagina. Ma Michelle sarà lei davvero, o sarà soltanto un sogno? Attraverso riflessioni sul mondo del lavoro, sull’editoria e sulla devastazione che il terremoto ha creato nella città dell’Aquila, soffermandosi anche sulla situazione di due piccoli rom e del loro campo, Marco scoprirà che il blocco dello scrittore non è il suo unico problema. C’è qualcosa, nel suo passato, destinato a riemergere e a spingerlo a rimediare, per mettere a tacere il suo cervello inquieto e finalmente trovare pace.. 


QUI maggiori info + intervista all'autore
QUI il link Amazon per l'acquisto

Vi ho già presentato Dietro anime d'inchiostro QUI. Oggi ve ne parlo dopo averlo letto. Prima di tutto, ringrazio l'autore non solo per avermi regalato l'edizione cartacea, ma anche perchè mi è stata recapitata una copia resa ancora più preziosa da una dedica che mi ha fatto molto piacere ricevere ed ammetto anche che, quando ho scorto il mio nome e quello del mio blog fra i ringraziamenti, beh, mi sono proprio commossa. Grazie di cuore!

Leggere "Dietro anime d'inchiostro" è stata un'esperienza meravigliosa. Riconoscevo tutti i tratti che avevo amato ed adesso, finalmente, li vedevo nero su bianco. Sfogliavo quelle pagine e mi immergevo in un profondissimo oceano di emozioni. E' stato come se adesso vedessi tutto molto più nitidamente. Ogni parola era più sfavillante, ogni colore più vivido, ogni emozione più vibrante. La storia di Marco Bandini (e non solo!) ha finalmente il posto che gli spettava da sempre, nelle pagine di un vero libro ed io non ne potrei essere più felice. Mi sono emozionata dall'inizio alla fine, ad ogni capitolo mi sentivo così orgogliosa di aver avuto l'onore di aver sempre sostenuto il talento di Marco Chiaravalle che, non mi stancherò mai di ripeterlo, ha creato davvero un piccolo gioiello di inestimabile valore.


Un protagonista scanzonato, personaggi intriganti, una storia misteriosa, scene emozionanti che creano immediata ed imperitura empatia, il tutto gestito con grandissima maestria 

Uno stile scorrevole, fluido ed accattivante, un finale di quelli che, voltando l'ultima pagina, ti fanno dire "questo libro non potrò mai dimenticarlo".

Confermo dunque ogni parola della mia prima recensione che vi invito a leggere, qualora non l'aveste ancora fatto, perchè spero vi conquisti e vi porti ad acquistare Dietro anime d'inchiostro, sono certissima che non vi pentirete di aver questo piccolo - grande libro nella vostra libreria, la impreziosirà.

Il post di oggi è davvero speciale perchè, oltre a parlarvi quindi di uno dei libri che custodirò per sempre nel cuore, ho il piacere e l'onore di ospitare Marco Chiaravalle qui ne Il Regno dei Libri. Marco ha infatti  accettato di fare una chiacchierata insieme a tutti noi heart-readers ed io lo ringrazio di cuore per questo.

Il Regno dei libri intervista... Marco Chiaravalle!


Bentornato Marco, intanto ti faccio le mie più sincere congratulazioni, sai quanto io ami questo tuo primo, incredibile, sbalorditivo ed emozionantissimo esordio. Il Bandini si riconferma uno dei protagonisti letterari più affascinanti degli ultimi tempi!

- Oggi vorrei tanto che ci raccontassi la tua esperienza ed il viaggio che ti ha portato ad essere pubblicato da La strada per Babilonia. E' stato un viaggio lungo? Come sei approdato a questa Casa Editrice? E' cambiato il tuo giudizio sull'editoria moderna e sul suo approccio ai giovani autori made in Italy? 

Ciao, Ely. Innanzitutto sono felicissimo di essere di nuovo ospite tra le pagine del tuo bellissimo blog. Non smetterò mai di ringraziarti per essere stata la prima ad aver creduto in me e per tutta l’attenzione e l’affetto che mi hai dimostrato in questi mesi. Allora il mio viaggio per “la strada per Babilonia” è iniziato grazie all’editor Sara Gavioli (una grande professionista, nonché persona alla quale devo tanto e che stimo moltissimo) la quale, dopo aver letto il mio romanzo, lo ha proposto a Moreno Casciello e Alessandra Monaco, fondatori de “La strada per Babilonia”. Il libro gli piacque molto e decisero di pubblicarlo. Nei mesi che hanno preceduto l’uscita ho imparato a conoscerli bene entrambi e ti garantisco che mi reputo una persona molto fortunata. Sia Moreno che Alessandra si fanno in quattro per i loro autori, organizzando presentazioni nelle librerie, partecipando alle fiere, promuovendo i libri della casa su internet giornalmente. Sono instancabili lavoratori, come Sara, accomunati tutti dalla stessa passione: la scrittura. Il mio giudizio sull’editoria moderna non è cambiato, però. Ti ripeto: io mi reputo una persona MOLTO fortunata, ma in tutti questi anni “ho visto cose che voi umani...”. Sulle medie e grandi case editrici non mi pronuncio neanche, il mio pensiero è rimasto lo stesso di mesi fa. Ne approfitto per fare un accorato appello: leggete più esordienti di case editrici minori, ci sono storie talmente belle e sentite che voi non potete neanche immaginare. E se quel libro, di quel piccolo esordiente vi è piaciuto... PARLATENE, parlatene con amici, fatelo girare. Il passaparola è la migliore pubblicità.


- Dov'eri e cosa hai fatto e cosa hai provato quando hai appreso che il tuo romanzo sarebbe presto stato pubblicato e che, da lì a poco, lo avresti visto fra gli scaffali delle librerie?

Risponderò a questa domanda molto velocemente (così controbilancio la prolissità della precedente rispota) e per farlo userò le parole che utilizzerebbe il Bandini del mio libro: “Era ora, cazzo!”


- Il percorso di editing che ha portato il tuo romanzo alla pubblicazione è stato lungo? E' stato tutto come ti aspettavi? Curare la nuova edizione è stato gratificante? Quando hai stretto tra le mani la prima copia cosa hai provato, è stato come hai sempre immaginato?

No, non è stato lungo. Se non vado errato quattro mesi ci sono voluti per la publicazione mentre la fase di editing è durata un paio di settimane belle serrate, poi Giulio Mirabella, uno dei grafici della casa editrice, ha creato la stupenda copertina. Il tempo di aspettare che passasse il periodo estivo e a settembre è uscito il cartaceo. Quando ho stretto la prima copia cosa ho provato? Vedi risposta al punto precedente. Scherzi a parte... a differenza di altri colleghi quando ho avuto il mio libro tra le mani non mi sono lasciato andare a festeggiamenti, non ho avuto particolari palpitazioni, lacrime, felicità etc. L’ho solo osservato un po’ e mi sono detto “Bene... questo deve essere solo il primo di una lunga serie.” Poi l’ho riposto nella libreria vicino a “L’ombra del vento”, come mi consigliasti tu. Sperando che possa essere di buon auspicio.


- So che stai portando avanti, insieme alla Casa Editrice, un bel progetto per la promozione di Dietro anime d'inchiostro, come sta andando? So già che il risultato è davvero positivo ma vorrei che ce lo raccontassi tu. Com'è stato rompere il ghiaccio e presentare Dietro anime d'inchiostro? Come si svilupperà la promozione in futuro?

Allora attualmente lo sto promuovendo sui vari social, ma penso non mancheranno in futuro altre presentazioni e firmacopie. Per il momento ti posso dire che sarò fisicamente presente alla fiera della microeditoria a Chiari l’11 e 12 novembre. Chiunque sia di quelle parti o si trovasse a passare nelle vicinanze e volesse dare un’occhiata al nostro stand e parlare con gli autori (me compreso) è il benvenuto. Il risultato delle vendite finora è stato molto positivo ma non voglio adagiarmi sugli allori. Ho un determinato obbiettivo in mente e ce la metterò tutta per raggiungerlo e semmai dovessi arrivarci comunque non mi fermerò. Voglio che il mio libro riesca ad arrivare nelle librerie e nel cuore di più persone possibili. Come è stato presentarlo? Tosto perché ho voluto fare tutto da solo –sono sempre stato molto testardo- e l’emozione mi ha fatto seccare la bocca in più di un’occasione, ma alla fine è andata molto bene e ringrazio tutte le persone che sono venute, così numerose, alla mia prima presentazione.


- Come presenti il tuo Dietro anime d'inchiostro ai lettori? A che genere appartiene? Qual'è il punto di forza del tuo romanzo d'esordio? Perchè consigli di leggerlo? A chi ti sei rivolto scrivendolo? Pensi che il tuo pubblico abbia quindi un target o possa essere eterogeneo? 

È un romanzo tra sogno e realtà dove i due elementi si intrecciano e il confine di demarcazione delle due dimensioni diviene sempre più labile fino a che il lettore s chiederà qual è il sogno e qual è la realtà. È un romanzo che tocca anche diversi generi letterari e quindi difficilmente classificabile in un unico genere. Mi avvicino molto al mystery, se proprio dovessi scegliere un genere, e mi piace definire i miei lavori “romanzi onirici” perchè hanno tutti tre caratteristiche di base che li accomunano: 1 il sogno –naturalmente visto e vissuto in forme differenti. Nel secondo romanzo che sto scrivendo le due dimensioni non si intrecciano ma sono ben distinte, a differenza del primo 2: una favola che fa sempre da leitmotiv all’intera narrazione (su questo troverete Alice di L.Carroll) 3: i miei finali saranno sempre dei pugni nello stomaco (non odiatemi per questo). Consiglio di leggerlo perché è un libro che parla di sentimenti veri quali amicizia e amore. Perché è un libro che tocca diversi temi sociali contemporanei. Perché fa ridere ma allo stesso tempo fa piangere. Riesce a far svagare il lettore e nello stesso tempo lo porta a riflettere. Penso che chiunque possa leggere il mio libro, non ho mai pensato a un target specifico di pubblico. Può andar bene per il ragazzo di 16 anni come per l’uomo di 50.


- Ed ora uno sguardo al futuro, hai nuovi progetti in cantiere? Inizialmente parlavi di una serie a tema onirico ma con protagonisti diversi da quelli che abbiamo amato in Dietro anime d'inchiostro, è ancora questo il progetto? E' cambiato qualcosa nei tuoi piani? Noi lettori, ed io ovviamente in primis, non vediamo l'ora di leggere altro del nostro caro Chiaravalle, ci daresti una piccola anteprima (se puoi!) sui tuoi progetti letterari futuri?

Sto realizzando il secondo romanzo onirico, stavolta un mystery in piena regola contaminato da altri generi letterari come mio solito. Protagonisti completamente differenti dal primo (anche se ti posso anticipare che i principali protagonisti di “anime”faranno un piccolo cameo in quest’ultimo), trama molto più dark della precedente e una serie di enigmi che faranno uscire pazzo il lettore quando, alla fine, capirà dove lo sto portando. La favola di base che sto usando è Oz. Questo libro mi sta impegnando parecchio: è da un anno che ci lavoro (oramai sono a buon punto) e sta diventando sempre più corposo.


Grazie di cuore per essere stato qui con noi Marco e di aver risposto alle mie domande! Spero davvero che ritornerai qui da noi in futuro, così come spero che considererai sempre Il Regno dei Libri come casa tua, le porte del Regno per te sono sempre spalancate ricordalo sempre, ti aspettiamo!


Carissimi heartreaders siamo quindi arrivati in fondo a questo post a cui, come vi ho già confidato, tengo molto. Spero che leggerete Dietro anime d'inchiostro, non ho dubbi che questa incredibile storia vi emozionerà e vi rimarrà nel cuore. Non vi pentirete di questo acquisto, ne sono più che sicura. Sta per arrivare il Natale, non è troppo presto per iniziare a pensare a cosa mettere sotto l'albero, "Dietro anime d'inchiostro" sarà la lettura giusta. Non sarà mai stucchevole ma, allo stesso tempo, vi perforerà il cuore fino ad accarezzarvi l'anima. 


Una storia per chi ama i libri, una storia per chi vuole vedere oltre le apparenze, una storia per chi non ha paura di emozionarsi.



Che ne dite heartreaders? Conoscevate già questo autore? Vi ho incuriositi parlandovi di Dietro anime d'inchiostro? Pensate di leggerlo? Fate parte della folta schiera di coloro che l'hanno già letto ed adorato? Fatemi sapere, io vi aspetto!


L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

5 commenti:

  1. Che bella intervista Ely e che bella soddisfazione essere stata una delle prime che ha creduto in un talento emergente che ora vede la luce.
    Il libro di Marco l'avevo inziato su Wattpad ma poi per mancanza di tempo l'ho abbandonato, mi stava piacendo molto e devo dire che sono molto contenta per lui e per il successo che ha ottenuto. Questo dà speranza per il futuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, Susy ^^ spero che ora che è diventato cartaceo avrai modo di apprezzarlo tutto. L'importante, quando si crede in un sogno, è perseverare per realizzarlo.

      Elimina
    2. Lo è davvero perchè questo libro mi è davvero rimasto nel cuore, spero che lo leggerai adesso che ci sono sia l'edizione cartacea che quella in ebook! Lo adorerai, ne sono sicura <3

      Elimina
  2. Ely grazie veramente di cuore per questa bellissima intervista e opportunità. Sono io che ti do l'abbraccio più grande del mondo. Grazie per aver creduto sempre in me e per continuare a crederci ^^ sarai una delle prime alle quali manderò il nuovo libro una volta terminato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sempre a te! Non vedo l'ora di leggere il prossimo libro, sono certa che sarà emozionante ed io non vedo l'ora ^^ Il Regno dei Libri è anche un po' casa tua, torna ogni volta che vuoi, noi ti aspettiamo ^^

      Elimina