martedì 14 novembre 2017

Recensione: "Voglio vivere una volta sola" di Francesco Carofiglio

Buongiorno a tutti carissimi heartreaders,
il post di oggi è dedicato alla recensione di uno dei libri che mi più mi ha colpita al cuore in assoluto. Si tratta di una lettura che ha atteso per anni il "suo momento" e che ho recuperato solamente qualche settimana fa. Come vi ho già raccontato, si era resa necessaria una nuova sistemazione della libreria, così ho svuotato degli scaffali per spolverare ogni volume e riposizionarlo in modo più ordinato. E' stato allora che mi sono ritrovata fra le mani "Voglio vivere una volta sola" di Francesco Carofiglio

E' un libretto davvero piccino heartreaders ma, come avevo solo potuto intuire, racchiude in sè una grande forza. 


Pronti a scoprire cosa mi ha fatto innamorare di questo romanzo?



Voglio vivere una sola volta
Francesco Carofiglio

Editore: Piemme
Prezzo: Rigido 13,90€ Ebook 6,99€
Pagine: 182
Serie: Autoconclusivo

Trama: La vita di Violette è uguale a quella di tante bambine. Due fratelli, Jean e Augustin, una madre premurosa, un padre completamente assorbito dal lavoro. Un cane, Javert, conosciuto per caso e amato all’istante. E tante case: la prima a Roma, poi a Parigi, infine a Plouzané, in Bretagna, a pochi metri dal mare, il posto migliore per curare le ferite dei sogni non realizzati. Le giornate di Violette corrono leggere, come quelle di tanti bambini, tra passeggiate, chiacchiere, giochi e letture. Le notti sono diverse. Perché Violette non dorme, cammina al buio, i piedi scalzi, l’abito celeste. Riempie le ore contando i libri dei genitori, tremilaottocentosettantotto per l’esattezza, sistema tutti i ricordi nel ricordario, per non perderli più. E ogni giorno guarda il mondo e lo vede cambiare, le persone vanno a una velocità differente, crescono, invecchiano, spariscono. Invece lei rimane sempre la stessa, le stesse mani, lo stesso viso. Perché Violette è la bambina che non c’è. Non è mai nata, è il desiderio perfetto di tutti loro, mamma, papà, Jean e Augustin. Eppure vive, ride, corre, esiste, almeno fino a quando qualcuno continuerà a pensarla. Sulla linea sottile che divide la realtà dal sogno Violette ci racconta un mondo normale e fantastico con una leggerezza pensosa, raccogliendo gli attimi, le emozioni, e i gesti che nessuno riuscirebbe mai a pensare.. 


💖 Recensione ðŸ’–

"Voglio vivere una sola volta" è una chicca, è uno di quei libri che ognuno dovrebbe leggere almeno una volta nella vita. Si, perchè è una di quelle rare ed inestimabili letture che arriva ad accarezzarti l'anima spezzandoti il cuore. Dite che è un ossimoro? Beh, è l'ossimoro che solo i grandi libri riescono a rendere vero e "Voglio vivere una sola volta" è decisamente tra questi.
Mi chiamo Violette.
I miei genitori si chiamano Emma e Léonard.
I miei fratelli Jean e Augustin.
E io non sono mai nata.
Voce narrante di questa indimenticabile storia è Violette, una bambina mai concepita. Ma attenzione, Violette non è un fantasma, non è un angelo, non è un sogno, non è un'allucinazione. Violette è la figlia femmina che mamma e papà hanno sempre desiderato. Dopo la nascita del primo figlio maschio, una notte Violette "nasce" nella mente della mamma e del papà che, non se lo confideranno mai, è vero, ma continueranno tutta la vita a "parlare" con la loro bambina come se fosse lì con loro in carne ed ossa. Quando la mamma rimane incinta per la seconda volta, tutti, Violette compresa, credono che sia arrivato il suo turno. La bambina tanto amata e tanto desiderata, la loro Violette, stava per venire al mondo. A nascere invece è Jean, il secondo figlio maschio. La "vita" di Violette continua quindi come ha sempre fatto fino ad allora. Dialoga con i fratelli ma soprattutto con la mamma perchè il legame fra una madre ed una figlia è unico ed indissolubile anche se la figlia non è mai nata.

La storia di Violette, dell'amore incondizionato con cui segue sempre la sua mamma, dell'affetto puro ed ingenuo con cui ama la sua famiglia pur senza farne realmente parte, si beh, la storia di Violette, non lo nego, mi ha lacerato il cuore. Non ci sono lacrime di dolore, non è una storia di malattie, non ci sono problemi di sterilità o di difficoltà a concepire un figlio, è una storia sulle possibilità, sul destino, sulle strade che la vita prende perchè così deve andare o perchè semplicemente siamo andati a destra invece che a sinistra. 
"Smetterò di esistere quando l'ultimo di loro smetterà di pensarmi. Quando si saranno definitivamente dimenticati di me, io non ci sarò più. Credo che andrà così. Me lo sono detto sempre, ma quel momento è lontano. E chi lo dice che quando uno non c'è più smette di pensarti? Chi lo dice?"

Durante la lettura ho avvertito un magone nello stomaco ogni qualvolta pensavo che, si, finalmente Violette stava per venire al mondo e invece niente. La gioia ed il conforto che avrebbe portato questa bambina alla sua mamma ed a tutta la famiglia, forse, non avrebbe fatto scendere ombre su di essa. Mi sono arrabbiata, non lo nego, mi sono arrabbiata col destino. Nella mia mente vedevo questa bambina dolcissima, ingenua  e capace di un amore immenso che forse avrebbe fatto la differenza, che di sicuro avrebbe portato un'immensa gioia, quella più grande. 
"Io non sono un angelo. Non volo, non sono capace. Mi muovo per le strade di pioggia e mi bagno. Mi siedo sulla sedia libera nella stanza. Non mi ricordo altre vite. Soltanto questa, la nostra vita."
Una storia delicata ma profonda ed uno stile semplice e caldo che parla direttamente al cuore fanno di questo libro un must read. Magistralmente scritto, "Voglio vivere una volta sola" ha tenuto viva la mia attenzione ad ogni pagina, tant'è che non so riuscita a posarlo sul comodino se non prima sono arrivata al finale. Un pomeriggio che ricorderò per sempre come uno di quelli rari in cui un libro riesce a cancellare il mondo là fuori. C'eravamo solo io, mia figlia che dormiva su di me e la storia di Violette. Nient'altro.

Una lettura perfetta per questo periodo, quando le giornate si accorciano e l'autunno lascia il passo all'inverno. Un plaid, una cioccolata calda tra le mani e vi sembrerà di vedere davvero Violette con i suoi occhi blù che brillano. Io l'ho immaginata proprio come la cover ci mostra. Bellissima, ipnotica e magnetica. 
"Uno, secondo me, dovrebbe profumare di biscotto, per tutta la vita.
Io profumerò di biscotto. Sempre."
Ho adorato Violette ed ho amato molto la figura della mamma, pur con tutte le sue fragilità. Ma la cosa che mi ha davvero fatto venire la pelle d'oca è stato il modo in cui Carofiglio ha parlato del rapporto indissolubile tra le due. Dite che l'essere diventata mamma da poco abbia amplificato questa mia commozione? Io non credo proprio, ho acquistato il libro nel lontano 2014 alla sua prima edizione, già la trama mi aveva conquistata e non ero riuscita a posarlo nuovamente sullo scaffale della libreria. Aveva già iniziato a tessere il suo incantesimo. Come mi capita spesso adesso questa lettura "mi ha chiamata" al momento giusto e posso dire con assoluta certezza che sarà uno dei miei libri preferiti per sempre.

Ne consiglierò sempre la lettura perchè ci sono libri che fanno bene al cuore, che ti sconvolgono a tal punto da renderti migliore e questo ne è un esempio. Il destino può essere testardo ma  noi dobbiamo stare molto attenti a fare le scelte giuste, per noi e per le persone che amiamo o ameremo.

 Io ricorderò per sempre Violette con la sua mamma. Indissolubili. Sempre e per sempre.




C'è poco da aggiungere, non riesco a parlarne senza che il nodo alla gola ritorni. E' un nodo alla gola che fa bene però, che rende migliori perchè emozionarsi non rende forse migliore la vita? Io vi consiglio con tutto il cuore di leggere "Voglio vivere una volta sola", non ve ne pentirete. Fatelo al momento giusto, quando sarete pronte ad una storia che vi emozionerà come poche altre. 

Nessun bacio mozzafiato, nessun principe sul cavallo bianco, no, questa è semplicemente la storia dell'amore più grande che il cuore umano possa mai provare.

Io vi assicuro che mai e poi mai potreste mai pentirvi di aver seguito il mio consiglio se leggerete al momento giusto questo libro e lascerete entrare le incredibili emozioni che vi regalerà.


Bene heartreaders, che mi dite? Conoscevate questo libro? Lo avete letto? Vi ha emozionati così come ha fatto con me? Vi ho incuriositi? Pensate di leggerlo?  Non vedo l'ora di parlarne insieme come sempre!

Vi aspetto💕


L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

10 commenti:

  1. Sembra veramente bellissimo! La tua recensione mi ha fatto venire i brividi... mi sa che me lo segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh se lo è, grazie mille per i complimenti <3 Se lo leggi torna a trovarmi allora ^^

      Elimina
  2. Che bella storia Ely, non la conoscevo e capisco che ti colpisce dal profondo per ovvi motivi. Me la segno sicuramente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy, sono felicissima di averti incuriosita, visto il tuo amore per i bimbi e la tua sensibilità, penso che potrebbe piacerti molto ^^

      Elimina
  3. Concordo, il legame tra una mamma è una figlia è qualcosa di inspiegabilmente forte... Io stessa, per quanto l'ho fortemente desiderata per tantissimo tempo, lo avevo con Sophia prima ancora che nascesse.
    Non parlavo con lei ma già "la sentivo vicina".
    Lo leggerò sicuramente!
    Un abbraccio!

    Nuovo post sul mio blog!
    Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. Ciao Ely, la tua recensione mi ha fatto commuovere, le tue emozioni sono arrivate dritte al mio cuore. Questa è indubbiamente una storia affascinante e particolare, l'autore ha davvero avuto un'idea originale e ha saputo anche trasformarla in qualcosa di straordinario, a quanto pare. Segno subito il titolo, non voglio assolutamente perdermi la lettura di questo libro :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Maria, sono felicissima di sapere che leggerai questo libro, mi ha davvero toccato il cuore <3 Fammi sapere quando lo leggi allora, ti aspetto <3 Un abbraccione

      Elimina
  5. Be', direi che dopo aver letto la tua recensione che straborda di EMOZIONI, Ely, questo libro non potrò che leggerlo, non so quando, ma lo leggerò. Come hai detto tu, emozionarsi rende migliore la vita, a dispetto dei più cinici! :****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fede caraa ciao, sono sicurissima che ti emozionerà molto! Torna a trovarmi quando lo leggi <3

      Elimina