venerdì 8 giugno 2018

Recensione: "Eleanor Oliphant sta benissimo" di Gail Honeyman

Buongiorno a tutti carissimi heartreaders,
il libro di cui stiamo per parlare ho finito di leggerlo già da qualche giorno, ho avuto bisogno di un po' di tempo per metabolizzarlo perchè è stata una lettura che ho dovuto meditare a lungo. Ho desiderato leggere "Eleanor Oliphant sta benissimo", l'esordio di Gail Honeyman, appena ne ho visto la cover. Mi ha attratta. Non la capivo del tutto, c'era essenzialità ma anche qualcosa di più. Quei fiammiferi sono stati al centro delle mie congetture per un po'. E poi ho capito, tutto è divenuto chiaro e mi sono detta "è perfetta".


Come tutto il libro del resto. Pronti a parlarne più approfonditamente? Io si, prima di farlo, voglio solo ringraziare la Garzanti per la copia digitale in omaggio. 


Eleanor Oliphant sta benissimo

Gail Honeyman


💝💝💝💝💝

Editore: Garzanti
Prezzo: Rigido 17,90 € Ebook --,--
Pagine: 352
Serie: Autoconclusivo
Genere: Narrativa

Trama: Mi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: benissimo. Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché io dico sempre quello che penso. Ma io sorrido, perché sto bene così. Ho quasi trent’anni e da nove lavoro nello stesso ufficio. In pausa pranzo faccio le parole crociate, la mia passione. Poi torno alla mia scrivania e mi prendo cura di Polly, la mia piantina: lei ha bisogno di me, e io non ho bisogno di nient’altro. Perché da sola sto bene. Solo il mercoledì mi inquieta, perché è il giorno in cui arriva la telefonata dalla prigione. Da mia madre. Dopo, quando chiudo la chiamata, mi accorgo di sfiorare la cicatrice che ho sul volto e ogni cosa mi sembra diversa. Ma non dura molto, perché io non lo permetto. E se me lo chiedete, infatti, io sto bene. Anzi, benissimo. O così credevo, fino a oggi. Perché oggi è successa una cosa nuova. Qualcuno mi ha rivolto un gesto gentile. Il primo della mia vita. E questo ha cambiato ogni cosa. D’improvviso, ho scoperto che il mondo segue delle regole che non conosco. Che gli altri non hanno le mie stesse paure, e non cercano a ogni istante di dimenticare il passato. Forse il «tutto» che credevo di avere è precisamente tutto ciò che mi manca. E forse è ora di imparare davvero a stare bene. Anzi: benissimo..


"Eleanor Oliphant sta benissimo" sono certa si rivelerà uno dei più sorprendenti esordi letterari di questo 2018. Di sicuro, complice del suo successo sarà anche l'adattamento cinematografico presto prodotto dalla nuova casa di produzione di Reese Wihiterspoon la quale presterà il volto ad Eleanor. L'adattamento cinematografico a 5 stelle sarà però soltanto la ciliegina sulla torta, perchè, già di per sè, Eleanor Oliphant merita tutti gli elogi che sta raccogliendo e molti di più.

Eccomi qui. Capelli lunghi, lisci, castano chiaro, che mi scendono giù fino alla vita, pelle chiara, il volto un palinsesto di fuoco. Un naso troppo piccolo e occhi troppo grandi. Orecchie: niente di eccezionale. Altezza più o meno nella media, peso approssivativamente nella media. Aspiro alla medietà... Sono stata al centro di fin troppa attenzione in vita mia. Ignoratemi, passate oltre, non c'è nulla da vedere qui.

Eleanor Oliphant sta benissimo è un romanzo che vi spiazzerà completamente già dai primi capitoli, un romanzo che farà vibrare le corde dei vostri sentimenti e che risveglierà la vostra parte più empatica. 

Eleanor è una ragazza che potrebbe apparire strana dal di fuori, di certo è una ragazza che vive in un mondo tutto suo. Per Eleanor tutto segue un programma, una routine scrupolosissima dalla quale non trasgredire mai. Il venerdì sera per esempio è d'obbligo passare da Tesco perchè è la sua serata pizza, in solitudine s'intende. Il pranzo è un momento tutto suo e delle sue fedeli parole crociate. Il mercoledì sera invece è il momento della telefonata di sua madre, una madre inquietante che non fa altro che fomentare le sue paure. 

Tutto nella vita di Eleanor segue una precisa routine, tutto ha un suo  momento, come se Eleanor stessa fosse alla ricerca del suo posto nel mondo. Come se l'attenzione nel dare un luogo ed uno spazio a tutto nascondesse la necessità di trovare la sua stessa dimensione.

"Ci sono giorni in cui i miei legami con la terra mi sembrano così labili che i fili che mi tengono fissata al pianeta sono sottili come una ragnatela, come zucchero filato. Una violenta folata di vento potrebbe staccarmi del tutto , sollevandomi e facendomi volare via, come un seme di tarasacco."

Eleanor non ha amici, nessuno sembra capirla. Il suo modo di parlare senza filtri, le sue risposte fin troppo schiette, il suo sentirsi diversa, tutto di Eleanor sembra allontanare gli altri. Eleanor inoltre non fa assolutamente mistero delle sue "stranezze", non se ne vergogna, le mette invece in bella mostra, quasi, forse, facendosene scudo e questo non fa che allontanare gli altri che ne hanno paura. E' chiaro che Eleanor è una ragazza interrotta, bloccata da un trauma che neanche lei stessa ricorda, un trauma che ha segnato la sua esistenza e di cui anche il lettore verrà a conoscenza solo in un secondo momento, quando ricominceranno ad affiorare i ricordi nella mente della stessa Eleanor.

Un uomo entrerà nella vita di Eleanor riportandola in vita: Raymond. Non aspettatevi però la love story del secolo heartreaders, sia chiaro. Questa non è la storia di Eleanor e Raymond, questa è e resta la storia di Eleanor. Raymond però avrà l'importantissimo compito di risvegliare la parte più nascosta della nostra Eleanor e lo farà con la spontaneità tipica di un uomo premuroso e solare.

Eleanor Oliphant sta benissimo è la storia di una ragazza interrotta che affronterà i suoi demoni, che saprà dire basta alle tenebre ed alle paure. Una ragazza che dimostrerà un infinito coraggio, che forse non sarà mai come gli altri ma, in fondo, che vuol dire essere "normali"? Ogni essere umano è unico, ha pregi e difetti, ha delle sue proprie peculiarità che lo rendono speciale, delle peculiarità per cui ciascuno ha diritto di essere amato. 


Sul mio cuore ci sono cicatrici altrettanto spesse e deturpanti di quelle che ho in viso. So che ci sono. Spero che resti un po' di tessuto integro, una chiazza attraverso la quale l'amore possa penetrare e defluire. Lo spero.

L'esordio di Gail Honeyman è un colpo al cuore, un romanzo da meditare e vivere nel profondo che racconta una storia che saprà emozionarvi. All'inizio di questa lettura non avevo idea di dove mi avrebbe portata, di quanto mi avrebbe sorpresa e di quanto mi avrebbe emozionata. Eleanor Oliphant sta benissimo è stata un'autentica sorpresa, un romanzo diverso dai soliti, un romanzo che mi ha sconvolta, che racconta una storia profonda e mai banale. Una storia che non ha niente a che fare con i clichè, una storia unica e sorprendente, una storia che toccherà le corde del vostro cuore e che difficilmente riuscirete a dimenticare. Questo romanzo è un volo in picchiata nell'abisso di un cuore umano.


Anche se è bello provare cose nuove e tenere la mente aperta, quello che conta è solo rimanere fedeli a ciò che si è veramente.


Lo stile dell'autrice è diretto, scorrevole e fluido, il ritmo asseconda e valorizza la storia senza forzarla. Una protagonista a tutto tondo ed indimenticabile, una storia potente e non banale, insieme a delle  storie secondarie profonde fanno di Eleanor Oliphant sta benissimo un meritatissimo successo editoriale che segnerà questo 2018 ed oltre. Gail ha dato il massimo, adesso toccherà a Reese farlo ed io non vedo l'ora di conoscere la sua Eleanor Oliphant, quella di carta però ha già un posto speciale nel mio cuore.


La parola a voi cari miei heartreaders, avete già letto la storia di Eleanor? Vi ha emozionati così come ha fatto con me? E se invece non lo aveste ancora letto, è nelle vostre WL? Lo leggerete? Vi incuriosisce? Fatemi sapere, attendo, come sempre, i vostri pareri!

Io intanto vi auguro buon weekend e vi do appuntamento a lunedì per una nuova recensione 💓


L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

6 commenti:

  1. Ho adorato Eleanor e il modo in cui è caratterizzata. Un libro favoloso che ho lasciato con un po' di dispiacere. ^_^

    RispondiElimina
  2. Bellissimo libro, l'ho finito pochi giorni fa :)

    RispondiElimina
  3. Bella recensione, in teoria è in lista, ma non so se lo leggerò, almeno per il momento. Mi rivedo troppo in alcune parti e ho un po ' paura che mi distrugga emotivamente. Chissà più avanti... ciao=)

    RispondiElimina
  4. Questa è una storia che mi incuriosisce molto e tu l'hai descritta alla perfezione, è di certo una storia che lascia il segno, me la segno

    RispondiElimina
  5. Già mi incuriosiva prima della tua recensione ed ora sono convinta di leggerlo dopo il RARE.
    Non sapevo che diventerà un film, quindi sono ancora più intrigata!

    RispondiElimina