martedì 12 giugno 2018

Review Party - Recensione: "L'amore nella fila 27" di Eithne Shortall

Buon martedì cari miei heartreaders,
è iniziato bene questo secondo giorno della settimana? Qui le letture vanno bene devo dire, nonostante il caldo sia sempre più estivo. Anche lì da voi è già arrivata l'estate? In pieno clima da granite e gelati, oggi ho il piacere di parlarvi di una lettura che potrebbe essere una valida opzione per la vostra TBR delle vacanze. Sto parlando de "L'amore nella fila 27" di  Eithne Shortall che approda in libreria, grazie alla DeA Planeta, proprio da oggi 12 Giugno.


In occasione del Review Party, oggi vi propongo la mia recensione in anteprima ma, prima di raccontarvi per bene di cosa mi abbia lasciato questa lettura, vorrei ringraziare Susy che ha organizzato l'evento e che ha voluto coinvolgermi, BookCreativa che ne ha curato la bellissima grafica e la DeA Planeta per la copia digitale del romanzo in omaggio.


L'amore nella fila 27

Eithne Shortall


💝💝💝

Editore: Dea Planeta
Prezzo: Rigido 16,00€ Ebook 7,99
Pagine: 383
Serie: Autoconclusivo
Genere: Narrativa

Trama: Chi non hai mai fantasticato, almeno una volta, di trovare l’amore ad alta quota? Di prendere posto, allacciare le cinture, e alzare lo sguardo per scoprire che sul sedile accanto siede la sua anima gemella? Cora Hendricks è così: un’inguaribile romantica. Convinta che un cuore in transito sia naturalmente più esposto alle frecce di Cupido, e che, complice il sorriso di una hostess e il magico potere del destino, anche un caffè brodoso possa trasformarsi nel migliore afrodisiaco. A quasi trent’anni, Cora abita a Londra e lavora come impiegata per una piccola compagnia aerea. Dopo l’ultima, devastante delusione amorosa – un berlinese di nome Friedrich – si impegna a favorire incontri romantici tra i passeggeri che, ignari, si presentano al banco del check-in, affidandosi solo a internet e alla propria intuizione per fare in modo che i candidati più compatibili si ritrovino a sedere vicini. Dove? Nella fila 27, naturalmente: il minuscolo laboratorio amoroso nel quale Cora, con la complicità di una collega, insegue con ostinazione la formula della felicità altrui. È un campionario umano vasto e variegato quello che passa dai sedili della fila 27: per una scintilla che scocca e una relazione che prende quota, un’altra precipita senza paracadute. Ma anche il Cupido più incallito prima o poi abbassa la guardia, e non è detto che per Cora non si avvicini il momento di riporre il tavolinetto, raddrizzare lo schienale e affrontare il viaggio più romantico (e turbolento) di sempre: l’unico che non contempla misure di sicurezza..



Recensione


L'amore nella fila 27 è stata una lettura leggera che ricorderò con piacere in futuro per l'originale idea dalla quale trae origine. Cora, la protagonista della storia, è quella che si dice comunemente un'hostess di terra. Con una circolare interna, per un anno, la compagnia aerea per cui lavora Cora ha sospeso i check in telematici, l'esperimento durerà solo per un periodo di tempo limitato quindi ma, così facendo, si cercherà di risolvere i problemi di sicurezza intervenuti con sempre più preoccupante frequenza. Un ritorno indietro di qualche decennio quindi, a quando i computer non avevano ancora preso il sopravvento, a quando erano le hostess a vagliare e controllare ogni singolo documento e, dunque, ad assegnare i posti sugli arei ai passeggeri. Complice la circolare, Cora inizierà quindi quello che all'inizio sembrerà un gioco ma che ben presto le prenderà la mano, fino quasi a sfuggirle. 

A Cora piaceva pensare che il suo ruolo di Cupido dei cieli fosse la sintesi delle sue qualità migliori: immaginazione, romanticismo, un vivo interesse per le persone. Sì, certo, poteva anche essere considerato il passatempo di una ficcanaso, ma per il momento nessuno l’aveva ancora accusata di questo. Almeno, non apertamente.


Cora ha sempre amato l'amore in generale e formare le coppie in particolare. Ha sempre amato cioè giocare il ruolo di Cupido fin da bambina. Complice una vita non proprio facile ed un passato che stenta a dimenticare, Cora si metterà presto in testa di cercare potenziali coppie fra i passeggeri che incontrerà facendo loro il check  Come darà una mano al destino? Semplice, li farà sedere l'uno accanto, nella fila 27 precisamente. Complice un'amica, che dall'aereo la terrà costantemente informata, molte saranno le coppie formate dalla nostra (non infallibile) Cupido. 


L'idea non è niente male, non credete? A me ha incuriosito immediatamente letta la sinossi. L'idea di una giovane aiutante di Cupido mi ha subito interessata perchè fresca, nuova e decisamente adatta al periodo estivo. Non so voi ma a me molto spesso, sotto l'ombrellone, viene voglia di letture spensierate e questo romanzo sembrava perfetto.

Il tuo è un cuore grande. È sempre stato così. Ma un cuore così grande è sempre a rischio di cadere vittima del fuoco incrociato. Non devi mai dimenticarti che se si spezza, si riaggiusta. Il cuore è lì per essere usato.

A lettura conclusa,  mi sento di affermare che il mio intuito non ha fallito perchè continuo ad adorare l'idea da cui ha preso le mosse la Shortall, la pecca però che ha fatto abbassare il mio giudizio finale sta invece nello stile dell'autrice che a tratti non ho apprezzato pienamente. L'amore nella fila 27 è risultato essere un romanzo corale grazie al quale mi sono imbattuta in una varietà di storie minori (elemento che mi è piaciuto) che però non sono risultate tutte ben delineate e approfondite fino alla fine (elemento che mi ha meno appagata). La storia principale, quella di Cora, è una storia davvero originale che  di certo vi strapperà sorrisi ma che farà anche riflettere, non si tratta di una protagonista del tutto semplice, in lei ci sono molte sfaccettature che l'hanno resa interessate al mio occhio di lettrice curiosa ed in cerca di empatia. Il suo amare l'amore in generale unito alla sua proverbiale ritrosia all'innamoramento, mi ha incuriosita, forse però ne avrei voluto sapere persino di più.

In tutto questo gioco delle coppie, la dott.ssa Stranamore, Cora, sarà protagonista di una love story? Beh, dai, potete immaginarlo, no? Ecco, questa è una delle parti che secondo me avrebbero potuto/dovuto avere più spazio perchè sono rimasta con molti dubbi.

Per alcune persone vale la pena correre il rischio. Questo è molto importante. Ti ho vista ritirarti dal mondo e questo non va bene. Mi hai sentito? A tutti capita di avere paura, il difficile è andare avanti lo stesso. Dai agli altri un’occasione, tesoro mio. Fidati delle persone.

Il ritmo della narrazione l'ho trovato un po' troppo lento all'inizio e accelerato alla fine e questo è risultato l'ago della bilancia che mi ha fatto propendere ad assegnare al romanzo 3 cuoricini (alias stelline) nonostante un'idea iniziale da punteggio pieno. L'utilizzo della terza persona ed una struttura sbilanciata hanno fatto il resto.

Se non vuoi più parlarmi, va bene. Ma io invece ho ancora voglia di ascoltarti. Ti guardo seduta dietro al tuo computer e voglio far parte del tuo mondo, che sembra sempre molto più interessante di quello in cui viviamo tutti noi. Voglio ascoltare tutti i tuoi sogni, e tutto quello che pensi. Voglio farmi prendere in giro quando dico delle cose senza senso. Voglio sentire tutto questo. Perché preferisco i tuoi insulti ai baci di qualunque altra donna».


L'amore nella fila 27 a mio parere è una lettura leggera che parte da un'idea grandiosa, che certamente si perde un po', ma che riuscirà a tenervi compagnia quest'estate in aeroporto, quando partirete per le vacanze.


Se siete single ed in cerca del Principe Azzurro, mi raccomando, non dimenticate di chiedere al check in se per caso è ancora libera la fila 27, magari Cupido sarà in ascolto!


Bene heartreaders, questa era la mia opinione ma, per avere un quadro più completo di questo romanzo, vi invito a non perdere le recensioni delle mie colleghe blogger che partecipano con me all'evento! Fatemi sapere che ne pensate di questo romanzo, se lo leggerete e se vi incuriosisce la storia di Cupido, vi aspetto 💓


L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

5 commenti:

  1. Ci troviamo perfettametne daccordo su tutto... di nuovo *_*

    RispondiElimina
  2. Concordo a pieno sul mancato approfondimento di determinate sfaccettature della storia... Peccato che un libro con premesse così buone si sia rivelato non troppo conforme alle aspettative! :(

    Bella recensione comunque ;)

    RispondiElimina
  3. Io sono ancora al 6° capitolo e per adesso mi piace, lo prendo come una lettura leggera questo si, e ci sta che le piccole storielle non possano dilungarsi troppo... Comunque vedremo come va!

    RispondiElimina
  4. Ecco! Mi ritrovo in quello che hai detto, lo stile non mi ha conquistata!

    RispondiElimina
  5. io quest'estate devo prendere 4 voli in totale..mi capiterà la fila 27 prima o poi ahahaha. recensione meravigliosa come sempre.

    RispondiElimina

Adoro fangirlare con voi heartreaders, grazie quindi per ogni commento!