Recensione: "Darkest Minds 4. La Fuga" di Alexandra Bracken - Review Party

Buondì a tutti Hearts,
questa seconda metà del mese di Giugno sta davvero portando tantissime pubblicazioni librose imperdibili, non trovate anche voi? Da ieri in libreria trovate anche Darkest Minds 4. La fuga di Alexandra Bracken ed io non potevo proprio perdermelo, no? 

Si ringrazia  la bravissima Clarissa di Words of Books che ha realizzato la magnifica grafica dell'evento e
la Sperling & Kupfer per l'invio di una copia del romanzo in omaggio

In occasione del Review Party iniziato già ieri, eccovi quindi la mia recensione di questo quarto libro della serie Darkest Minds , mi raccomando di non perdere nessuna delle recensioni dell'evento, a fine post trovate il calendario per rimanere sempre sintonizzati.


ECCO COM'È COMPOSTA LA SERIE DARKEST MINDS:


1.0 Darkest Minds (The Darkest Minds) (QUI la mia recensione)
1.5 In Time (novella inedita)
1.6 Liam's story (novella inedita)
2.0 Darkest Minds 2. Una ragazza pericolosa (Never Fade) (QUI la mia recensione)
2.5 Sparks Rise (novella inedita)
3.0 Darkest Minds 3. L'ultimo bagliore (In the Afterlight) (QUI la mia recensione)
3.5 Beyond the Night (novella inedita)
4.0  Darkest Minds 4. La fuga (The Darkerst Legacy)  - Protagonista Zu.
Collection: Through the Dark (collezione inedita contenente le novelle 1.5, 2.5 e 3.5)


Recensione



Darkest Minds 4 
La fuga

Alexandra Bracken


💝💝💝💝

Editore: Sperling & Kupfer
Prezzo: Rigido 17,90 € Ebook 8,99
Pagine: 450
Serie: Darkest Minds #4
Genere: Distopia

Trama: Sono passati cinque anni, i campi di riabilitazione governativi sono ormai un ricordo, ma la battaglia è tutt'altro che finita. Suzume «Zu» Kimura è diventata la portavoce del nuovo governo e ogni giorno combatte per i diritti dei bambini Psi, un tempo perseguitati per i loro poteri. Sebbene non siano più imprigionati, infatti, i pregiudizi, la diffidenza e la disinformazione nei loro confronti sono ancora una piaga difficile da arginare. Quando Zu viene accusata dallo stesso governo di un atto orribile, è costretta a fuggire di nuovo. Determinata a dimostrare la sua innocenza e ad arrivare alla verità, Zu si imbarca allora in un viaggio pieno di insidie, nel corso del quale dovrà stringere pericolose alleanze e guardarsi dai nemici, nascosti ovunque. Capire di chi fidarsi è impossibile. Ma con il suo futuro e quello di tutti gli Psi a repentaglio, Zu è disposta a correre qualsiasi rischio per salvare se stessa e gli amici che un tempo l'hanno protetta. E che ora hanno bisogno di lei..


La prima cosa che salta all'occhio di Darkest Minds 4 penso sia evidente a tutti, non credete? Vero è che non si debba mai giudicare un libro dalla copertina ma, diciamocelo chiaramente, una bella cover attrae sempre e quella di Darkest Minds 4 spacca di brutto. Adoro la cover scelta dalla Sperling & Kupfer, c'è poco da fare, credo che sia addirittura la più bella di tutte quelle della serie. Stupenda, tanto da preferirla a quella originale.

Ad attrarmi non è però stata solamente la cover, è chiaro. Sì, perchè la serie Darkest Minds (lo sapete già se mi seguite) è stata una delle serie che lo scorso anno più mi ha piacevolmente sorpresa libro dopo libro. Dal primo al terzo romanzo, questa serie mi ha preso sempre più, fino ad un finale davvero perfetto. 

Con questo quarto libro la Bracken ritorna nell'universo di Darkest Minds, catapultandoci a ben cinque anni di distanza dagli avvenimenti con cui si era conclusa la prima trilogia. Protagonista di questa nuova avventura è uno dei personaggi più particolari ed affascinanti, ovvero la timida Zu che abbiamo lasciato alla fine del primo romanzo per poi ritrovarla nel terzo.

Tanto tempo fa, ho passato mesi senza dire nemmeno una parola. Più di un anno, in effetti. All’inizio accadde per caso… no, non esattamente. Facevo ancora fatica a spiegarlo, a giustificare la scelta di zittirmi. Era come se il filo spinato che circondava il campo di riabilitazione mi avesse ferita così in profondità, la notte in cui scappammo, che tutte le parole dentro di me mi avevano abbandonata, come se sanguinassi. Mi ero sentita così vuota, sotto la pelle. Così fredda. Così debole da permettere allo choc di prendere il sopravvento. La verità è che ci sono cose che vanno al di là delle parole: il rumore degli spari che tuonano nella notte. Il sangue che macchia la schiena delle uniformi sottili. I ragazzi a faccia in giù, lentamente sepolti dalla neve che cade dal cielo cupo. La sensazione di essere strangolati dalla propria speranza nell’istante in cui fugge via al di là del recinto, lasciandoti indietro a morire.

Zu mi è sempre stata simpatica, di lei ho infatti conservato un bel ricordo, tanto che, avendo saputo essere lei la nuova protagonista, ho voluto sentire cosa aveva da raccontare. Zu l'abbiamo conosciuta come una ragazzina timida, dolce e taciturna, ecco perchè sentire direttamente la sua voce mi ha affascinata non poco.



Mi ha intrigata tantissimo questa storia adrenalinica in cui, oltre a nuovi personaggi, si incontra qualche volto noto. Oggi Zu è cresciuta e, smantellati i campi di riabilitazione governativi, lavora come portavoce del Governo, combattendo quotidianamente per far ascoltare la voce dei bambini per lungo tempo rimasta muta. La pace che poteva sembrare conquistata in realtà è ancora molto lontana  però perchè molti sono ancora i pregiudizi verso chi manifesta i poteri e così, dopo essere stata ingiustamente accusata di tradimento, Zu si ritroverà a doversi dare alla fuga, affrontando un viaggio molto pericoloso e ricco di insidie che però porterà al suo definitivo e meritatissimo riscatto. I bambini hanno bisogno di un portavoce come Zu, che fungerà da vero e proprio amplificatore di una voce purtroppo ancora flebile, Zu però griderà forte in nome della parità dei diritti.

Se avete ancora impressa nella mente l'immagine di una Zu bambina, sappiate che dovrete cambiarla immediatamente, perchè Zu è ormai una donna e per di più addestrata, forte e determinata, una donna con dei poteri molto forti e che sa perfettamente come usarli. Ho adorato la crescita di questo personaggio che, se mi aveva all'inizio colpita per la sua dolcezza, oggi ha saputo farlo nuovamente divenendo una donna in gamba e coraggiosa, tanto da farmela preferire a Ruby, la precedente protagonista.

Come ho detto, sentire la vera voce di Zu, che nei primi libri stava per lo più in silenzio, mi ha veramente coinvolta, tanto da potermi dire veramente felice di aver letto questo libro che chiude veramente il cerchio aperto con il primo capitolo di Darkest minds.

Per quanto allo stile è quello tipico della Bracken, non spicca certo per linearità ma questo oramai è un suo marchio di fabbrica. Lo stile della Bracken possiamo ben dire di conoscerlo bene, è complesso ma molto curato. Le descrizioni sono sempre molto presenti e dettagliate ma il ritmo l'ho avvertito più spedito rispetto a quello dei primi romanzi della serie. La narrazione in prima persona ha reso la lettura più veloce e coinvolgente, ecco perchè l'alto numero di pagine non è stato un problema. Lo stile della Bracken è particolare, c'è chi dice che lo si ami o lo si odi, io non sono d'accordo, ormai lo considero come un vero e proprio marchio di fabbrica, è il suo stile ed è perfettamente chiaro quando dall'altra parte a scrivere è la penna della Bracken, tanto lo considero peculiare.

Di sicuro consiglio questa lettura a chi ha amato la serie di Darkest Minds, credo infatti che sia la degna conclusione di una serie che a tutti noi ha dato tanto. A chi non ha letto invece i tre precedenti libri, che ci state aspettando? Se vi piace la distopia credo proprio che valga la pena recuperarli tutti.




E voi che ne pensate Hearts? Avete letto la serie Darkest Minds? Vi è piaciuta? Leggerete anche questo quarto capitolo?  Ditemi.. ditemi! Curiosissima di sapere se lo leggerete vi aspetto nei commenti e mi raccomando di non perdere le altre recensioni dell'evento


L'abbraccio più grande del mondo,
Ely

4 commenti

  1. Non vedo l'ora che mi arrivi per iniziarlo :D

    RispondiElimina
  2. Concordo con te sulla cover è bellissima! Anche questa grafica è molto bella.
    La tua recensione invoglia alla lettura non c'è che dire ma sai che questo libro mi ispirava poco quindi per questa volta passo :D

    RispondiElimina

Adoro fangirlare con voi heartreaders, grazie quindi per ogni commento!